Passa ai contenuti principali

Diogene Tissier & Fils




Valle della Marna, patria del Pinot Meunier, per la precisone a Chavot-Courcourt. 
Maison fondata da Diogene Tissier nel 1931. 
Da allora la grande attenzione in vigna e per le vendemmie sono il motto di famiglia  per ottenere champagne di grandissima finezza ed eleganza pur privilegiando la potenza del frutto coltivato su questi terreni, Chardonnay, Pinot Noir e Pinot Meunier. 

Bel personaggio Vincent, di quelli da passarci la giornata anche se hai il tempo contato. Sorride anche con gli occhi dimostrando tutta la passione che poi ritroveremo nei suoi 4 vini che ci presenta in degustazione. Ci porta a vedere la cantina e tutte le sue pratiche, la pressa tradizionale, le botti di legno, il remuage che fatto a mano è stupefacente da quanto preciso e veloce. 



Perlage finissimi e cremosi, mai uno spigolo, fini in ingresso si aprono meravigliosamente in bocca scaldandosi e regalando trame di composte di mele e pere, di pan brioche, di dolci con canditi di agrumi. 
Champagne soavi con finali lunghi e gioiosi dove si presentano nocciole e bergamotto. Una grande  espressione. Difficile da trovare un vincitore ma la lotta si concluderà in ex-equo sul filo di lana tra la Cuvée de Réserve (25% di Meunier) e il Saveur de Juliette (70% di Meunier). Grandissimo rapporto qualità/prezzo! …..e poi il Meunier mi piace !




Cuvée Extra Brut 80 chardonnay e 20 pinot noir è quasi un Pas Dosè, 3g/l invitanti, profumati, fresco e nervoso ma allo stesso tempo e eleganti e mai spigoloso. Grande bevibilità.

Blanc de Blancs Brut, 7g/l , fiori bianchi e miele, frutta in composta di mele e per polposa, grassa, mandorle e pane tostato. Fine e gustoso.

Cuvèe de Reserve, 8 g/l, 60 % Chardonnay. 15 % Pinot Noir e 25 % Pinot Meunier, il colore aumenta intensità ma il naso e la bocca restano freschi e profumati, agrumato croccante e luminoso. Perlage fine come quello di tutti i vini di questa Maison. Peccato per il dosaggio che non soddisfa il mio gusto perché aromi e profumi abbondano piacevoli.

Cuvée Saveur de Juliette brut, 7g/l 30% pinot noir e 70 pinot meunier. Un vero blanc de noirs. Un oro scarico ma lucente e una bollicina finissima e cremosa. Frutti di bosco freschi e profumati. Dolce, morbido e carezzevole con una struttura di tutto rispetto.



Forse tra le piccole realtà visitata quella più espressiva, forse per gli uvaggi o forse per la cura e l’amore. Sicuramente un ottimo RM con un grande rapporto qualità prezzo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Gita in Friuli : Az. Agricola Silvano Ferlat

Moreno ci aspetta in vigna, simpatico e gentile come sempre. Ci siamo incrociati già alcune volte in varie manifestazioni e conosco i suoi vini, ma visitarlo in azienda sarà una cosa diversa, ne sono sicuro. È una piccola azienda a conduzione familiare, fondata nel 1950, biologici non certificati dal 2000 e con certificazioni dal 2017. Obblighi di cui farebbero volentieri a meno visto che non aggiungono niente al loro lavoro se non costi e scartoffie. Siamo nella D.O.C. Friuli Isonzo ma molti loro vini sono per scelta IGT. Gli ettari di vigneto coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica sono 6,5, tutti lavorati con rame, zolfo e Bacillus, fertilizzanti naturali di origine animale. Nessun Sovescio visto la ricchezza organica dei terreni di argilla rossa, ciottoli e sabbie, ma anzi cura dell’inerbimento naturale che aiuti a contrastare un po’ la naturale vigoria della vigna. 
L’obbiettivo è ottenere vini personali e riconoscibili
“La qualità dell’uva passa attraverso il massimo ris…

JURA, LA MONTAGNA INCANTATA

Consueta sera di approfondimento organizzata da Fisar Firenze e curata dai due bravi relatori Anna Paola Coppi e Leonardo Finetti.
Come spesso capita una vacanza diventa poi oggetto di studio legato alla passione e alla pura curiosità che ogni sommelier che si rispetti porta innata con se e poi sfocia in un interessante approfondimento durante queste serate.
Questa poi è una di quelle regioni vitivinicole piccole, al fianco della Borgogna, sopra alla Savoia e sotto all’ Alsazia che si studiano quasi esclusivamente in relazioni ai suoi vini speciali, il Vin Jaune, una specie di sherry non fortificato, il Vin de Paille, un passito con note estreme ossidative e il MacVin, il classico Vino Dolce Naturale, assimilabile alle tante mistelle (mosti fortificati) che vanno così di moda in Francia.
Questo territorio ha rischiato di scomparire a seguito della fillossera dei primi del novecento ma si è ripreso come sempre succede grazie ad una grande azienda, Henri Maire, (parlo di volumi prodotti) c…

Montalcino gli ultimi vent'anni nel bicchiere - Azienda Agricola Innocenti