Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2015

Ellenica - Vini Greci in terra di Toscana

Bella manifestazione ieri alla Divina Enoteca, nel centro storico di Firenze vicino al mercato di San Lorenzo che grazie alla collaborazione con il consolato greco è riuscita a presentare una ventina di vini tra bianchi, rossi e rosati oltre a un vinsanto.
Ottima anche la presentazione dei vini fatta dai sommelier FISAR presenti all'evento per il servizio. In generale per me era la prima volta che affrontavo queste tipologie di uve e di vini con molte sorprese per gusti inconsueti. Sicuramente la più grande sorpresa è stata trovare una grande qualità nelle lavorazioni in vigna e in cantina che hanno permesso di presentare tutti vini molto puliti e privi di difetti.
Due i grossi gruppi, divisi chiaramente tra bianchi e rossi, due tipi di rosato e un vinsanto che qualcuno riconosce per etimologia in "vino di Xanto". Prima di entrare nei dettagli un giudizio globale per i bianchi ricchi di profumi, freschi, con una spiccata mineralità, spesso di buon corpo mentre molto frut…

Vini Greci in terra di Toscana

Bellissima manifestazione in arrivo alla Divina Enoteca di Firenze.
Imperdibile degustazione di 23 vini greci selezionati in collaborazione con Il Consolato di Grecia a Firenze.
Per la prima volta a Firenze un interessante viaggio fra vitigni autoctoni greci e internazionali.

La degustazione è al banco dalle ore 17.30 alle 21.00 circa. Ingresso € 8.00
NON OCCORRE PRENOTARE

Un' occasione unica per imparare a consocere vini Greci in una cornice accogliente come quella della Divina Enoteca, nel centro storico di Firenze.

Ecco i vini i degustazione
Seguiranno al più presto le mie note.

Louis Latour - Bourgogne Pinot Noir 2012

Approfittando di una promozione di un noto portale di vendita vino avevo aquistato un po di bottiglie varie di Pinot nero della Borgogna e non solo, tra cui questo Louis Latour del 2012.
Fermentazione tradizionale in vasche aperte, 10/12 mesi in vasche di acciaio e via in commercio, come da tradizione.
Rosso rubino brillante, intenso e trasparente, degno dei migliori Pinot neri, naso ricco di profumi di frutti di bosco, mirtilli, ribes nero, more. In bocca di medio corpo, poco alcolico, morbido, fine e elegante, pulito in un modo che solo i francesi sanno fare, si conferma negli aromi e gode di una grande beva sostenuta da una splendida freschezza e da tannini lievissimi.
Un leggero chicco di caffè dona al finale un aroma complesso e godibile. Più bevo pinot della Borgogna, più tutti gli altri si allontanano inesorabilemnte salvo togliere qualche buona eccezione nel trentino (Mazzon) e pochissimo altro.