Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2016

I vini del vulcano (i bianchi)

Ed eccoci arrivati alla seconda parte del percorso avviato tra vitigni e terreni vulcanici. Relatore Livio Del Chiaro, ampia platea come oramai di consueto e tre efficienti sommelier a prestare un celere servizio per permettere a tutti di degustare i vini a giusta temperatura di servizio. Si parte con un breve ripasso di quella che sono le zone vulcaniche dove si coltiva la vite in Italia e dell’influenza che possono avere questi terreni sull’agricoltura e di conseguenza anche sui suoi derivati, come appunto il vino. Freschezza, mineralità e sapidità accompagneranno questo percorso fino alla fine, compreso vinificazioni particolari come l’appassimento o le lunghe macerazioni in anfora. Partiremo dalla zona del Soave con i suoi terreni con marne calcaree e scheletri basaltici, scendendo verso la zona dei laghi vulcanici laziali, a Gradoli per la precisione. Poi in Irpinia col suo tufo grigio, e ancora verso Napoli e i suoi lapilli per arrivare finalmente in Sicilia, sull’ Etna i cui terr…

Les beaux jours du Beaujolais…….la scoperta della Borgogna si sposta a sud

Roederer Cristal : la bestia mitologica

Ovvero come prepararsi al meglio prima della gita in Champagne Ai primi di Giugno si parte per lo Champagne (mangerò riso in bianco da 15 giorni prima della partenza) e la necessità di alzare l’asticella, di migliorare il metro della comprensione, cresce, in maniera spropositata! Come fare allora per non dilapidare uno stipendio acquistando grandi champagne in rete? Facile! Una degustazione con vini mitologici e ci si trova immediatamente proiettati alla corte degli Zar di Russia per capire perché avevano commissionato a quel visionario di Roederer gli champagne per i loro baccanali. Fine Marzo, ora di cena, Enoteca To Wine a Prato. L’amico Gionni organizza infrasettimanalmente degustazioni “mitologiche” con vari mostri sacri dell’enologia mondiale e stavolta tocca a Roederer. Proprio quello che ci voleva. Ci sono la Cuvée “base” brut premier, due Vintage delle annate 2007 e 2008, il brut nature 2006 Starck, difficilissimo da trovare, e per i fuochi d’artificio due Cristal nelle annate 20…

I vini del vulcano (i rossi)