Passa ai contenuti principali

Montalcino gli ultimi vent'anni nel bicchiere - Azienda Agricola Innocenti




6 dicembre, una magnifica giornata di sole, un gruppo di amici appassionati.

Destinazione Montalcino, Frazione Torrenieri, Località Citille di Sotto, all'estremo dei terreni del comune.

Colline dolci che guardano Montalcino, circa 400metri s.l.m. con vigne ben esposte a sud. Azienda familiare dei fratelli Massimo e Gianni Innocenti che ci aspettano cordiali come sempre, insieme all’enologo dell’azienda, per una fantastica verticale di 8 annate di Brunello di Montalcino più l’anteprima della 2012 che tra poco sarà messa in commercio. E come se non bastasse 2 annate di Brunello Riserva e 2 annate lontane tra loro di Vignalsole, il loro IGT che unisce al Sangiovese del Cabernet Sauvignon e del Merlot.
Cinque ettari di vigneto in tutto coltivati nel rispetto degli impianti storici per ottenere il massimo risultato qualitativo. Si è proprio la qualità del prodotto su cui questa famiglia si impegna quotidianamente.



Il Brunello che producono è quello più tradizionale, solo botti grandi da 30hl e affinamenti nel pieno rispetto del disciplinare di produzione. 25/30 mila bottiglie l’anno in tutto tra Rosso di Montalcino, Brunello, Riserva, Vignalsole e un IGT di pronta beva, “Lume”
La cantina è sotto all'abitazione e ci si accede passando dalla sala dove faremo la degustazione. 





L’ordine e la pulizia sono esemplari e Gianni ci spiega che le botti si sono pulite fuori ma soprattutto dentro e il vino durante il suo affinamento viene più volte travasato per permettere di pulire la botte e in questo modo effettuare anche delle chiarifiche naturali. In fondo alla cantina si trovano le Barrique del Vignalsole e due grandi Tonneau dove hanno inizato a fare delle prove di vinificazioni. L’intenzione inoltre è quella di iniziare a breve a vinificare in legno.



E’ la prima volta che Gianni e Massimo organizzano una verticale storica come questa e si vede che anche loro sono emozionati e compiaciuti della nostra presenza. E’ per noi un orgoglio immenso aver avuto la possibilità di confrontarsi con la storia di questa cantina e il percorso che ci aspetta è di assoluto valore

1998, 1999, 2001, 2004, 2006, 2007, 2010, 2011, 2012
Riserva 2007 e 2010
Vignalsole 2003 e 2013

Il tutto accompagnato da salumi e formaggi della zona e da una bistecca di cui ancora porto il ricordo della morbidezza e del sapore della carne.



Ma veniamo al dunque, dopo una breve indecisione optiamo per partire dal vino più giovane per tornare a ritroso indietro nel tempo lasciandoci l’anteprima 2012 per il finale e poi ripartire con le Riserve terminando con il Vignalsole. Non avremmo potuto chiedere le meglio.



Stappature e racconti si susseguono grazie alla gentilezza dell’enologo dell’azienda prodigo di informazioni sulle annate, sul clima, sulle variazioni avute negli anni, su come a partire dagli anni successivi al 2004 il clima abbia cambiato le maturazioni e il risultato.
Questo Brunello è un vino di carattere forte ma caratterizzato da una qualità dei tannini esemplare per finezza e setosità. Un Brunello di grandi estratti, rubino intenso, spesso tendente al granato con una capacità innata di riuscire a mantenere le proprie caratteristiche nel tempo, sia per colore che per luminosità, per struttura e forte carattere. Grande eleganza del sorso sempre presente e soprattutto una pulizia innata che si mantiene negli anni inalterata.


2011 annata 4 stelle, caldissima, maturazioni che raggiungo alte gradazioni alcoliche molto presto e che costringono tanti a vendemmie in anticipo. Ho ricordi dell’anteprima di questa annata dove si trovavano vini freschi e profumati ma carenti di struttura e spesso con tannini che non avevano raggiunto la maturazione fenolica. Questo vino sorprende in questo, rubino molto intenso, con venature granato, di grande carica. Il naso e la bocca se la giocano tutta sul frutto rosso croccante. Lievi accenni balsamici e speziati. Primo incontro di grande soddisfazione con la finezza dei tannini di questa azienda che accarezzano la bocca gustosi senza mai graffiare. Buono equilibrio leggermente spostato su note di grande freschezza e un po’ corto. Nessuno fa miracoli ma questo nei miei ricordi se la cava davvero bene per l’annata e porta con se un’ottima bevibilità.


2010 cresce l’intensità cromatica e anche la gradazione alcolica a vedere dagli archetti fitti che si distendono lunghi sul calice. L’acidità sostiene bene il colore, bello luminoso e vivo, al frutto rosso si aggiungono piccoli frutti neri, le more di rovo e cresce la parte balsamica e speziata con alloro e pepe. Vino di grande struttura con tannini importanti ma mai aggressivi, strati setosi in successione. Un vino che grazie alla annata a cinque stelle e all’ottimo lavoro fatto in vigna e in cantina ha tanta materia da giocarsi che gli garantirà un futuro estremamente longevo. Notevole.


2007 altra annata a cinque stelle, di quelle che non si sbaglia mai quando si stappa una bottiglia di Brunello. Il colore inizia a virare verso il granato senza alcuna ombra di invecchiamento. Luminoso e limpido. Si inizia a percepire una buona carica floreale secca di viole, di pot-pourri “rosso” e il frutto si sposta in maniera importante verso il nero. Prugne e more a far bella mostra di sé. Cresce l’eleganza che si giova dell’affinamento più lungo e ogni casellina del puzzle tridimensionale della bocca si colloca al suo posto. I tannini oramai sono una seta sottile e morbida, avvolgente, lunga la persistenza e ancora una grandissima acidità a sostegno dell’importante struttura. Sembra fatto ieri nonostante l’importanza del sorso. Secondo solo ad un immenso 1999.

2006 ancora un cinque stelle che a volte si manifesta in maniera controversa per gli assaggi che ho fatto nel tempo. Questa bottiglia sta sicuramente nella parte di valore dell’annata. Si conferma la forte intensità cromatica oramai quasi completamente granato e solo un piccolo accenno sull’unghia verso l’aranciato anche se dalla brillantezza non si direbbe certo che ha già dieci anni. La parte olfattiva e gustativa si è spostata decisamente verso i terziari, si attenuano le note fresche e si sostituiscono meravigliosamente col tabacco, col pepe, con una speziatura importante che arriva fino alla liquirizia. Consueta trama tannica importante ma di grande eleganza e un’infinita acidità a sostegno.


2004 ancora due anni indietro, ancora cinque stelle, L’intensità del colore è immutabile e sorprendente, il naso invece un po’ tradisce e tende a non voler emergere, timido e chiuso, austero. La bocca regala qualche emozione in più e la finezza non manca anche se la struttura è più esile rispetto alle annate precedenti. Vino comunque perfettamente integro in tutte le sue componenti.

2001 quattro stelle di un’annata di qualità con qualche problema, vini che alla loro uscita soffrivano del loro essere monolitici e con tanni duri e spigolosi, spesso verdi. Il tempo ha fatto bene anche se in effetti rispetto ad altre annate più giovani e alle due che sentiremo dopo, un certo calo si percepisce. Eccellente comunque la tenuta, grande luce che sprigiona da un colore sempre più intenso e granato. Le note evolutive crescono e spicca soprattutto un profondo assenzio. Struttura sempre importante a dimostrazione dell’ottima forma in cui si trova. Per essere figlio di un “dio minore” riesce a distinguersi comunque bene.


1999 fa un po’ impressione tornare indietro, prima del 2000, prima del millennium bug che ha fatto impazzire il mondo senza per fortuna creare alcun danno. Ancora 4 stelle ma la stoffa qui è altra e la soddisfazione cresce in maniera esponenziale. Se colore e luminosità sono una costante come sempre ad altissimi livelli, il naso torna ad essere esplosivo e complesso, ricco di mille sfumature terziarie sempre pulite e nette. Struttura e parte tannica ancora lanciate in uno splendido sorriso, Bocca elegante e lunghissima. Se non ci fosse la data sull’etichetta sono certo che lo avremmo battezzato tutti molto più giovane delle due annate precedenti. La miglior bevuta di tutta la batteria.


1998, la prima bottiglia fa le bizze, ma può capitare, non è certo un problema, il naso è abbastanza sporco e spostato su profumi della terra, del metallo rovente, del vegetale cotto e profondamente ematico. La seconda bottiglia è quasi perfetta, rimane solo una leggera sensazione terrosa, umida, ma bel integrata nel bouquet del vino. Annata che era ancora un quattro stelle ma che come la precedente, se si esclude la leggera difficoltà evolutiva, ha un grandissimo carattere.


2012 cinque stelle lusso, da quello che ho avuto il piacere di sentire per ora come anteprime probabilmente migliore della 2010, e già dirla così sembra un’eresia. Il colore torna al rubino ricco e di grande carica. Il frutto è profumato e ben integrato con un parte floreale fresca. I profumi balsamici delle terre di toscana escono freschi dal calice e il sorso fresco e sapido sorprende per il buon equilibrio di cui già dispone. I tannini…oramai avreste dovuto capirlo…Innocenti li doma alla perfezione, non alterandole la grande struttura ma rendendoli lisci e ben levigati. Quando posso venire a cantina a prendere qualche bottiglia ???

Passiamo alle due riserva, giusto per non farsi mancare niente.



2010 vi posso solo dire che alla fine ho comprato una magnum tanto questo vino dona gioia a chi lo beve. La complessità regala profumi nuovi a ogni sorso e la bocca si arricchisce di una grande armonia. Un vino all’ennesima potenza

2007 a differenza di quello in batteria si colloca leggermente sotto alla 2010 pur rimanendo un’ottima bevuta. Ma potrebbe semplicemente essere una bottiglia in una fase di rilassamento e non mi meraviglierei se magari tra un anno le valutazioni si fossero invertite.


Note generali :

i vini dei fratelli Innocenti li conoscevo come tipologia, vini di grandi strutture, importanti. Quello che non conoscevo è la longevità, la capacità di mantenere inalterato nel tempo il colore, la struttura e la freschezza. Bere un 1999 come un ragazzino lascia piacevolmente sorpresi a ennesima prova se ancora ce ne fosse bisogno che il Brunello, lavorato con maestria, è un vino immenso che nel tempo migliora senza alcun timore per gli anni che passano.
L’ospitalità di questa cantina è smisurata, sembrava di essere in famiglia e non da un produttore. E non serve aggiungere altro.
Non sarà facile potersi confrontare ancora a breve con una batteria di vini di questo spessore e non posso che essere felice di essere stato presente.

Arrivederci alla 2012.





Commenti

Post popolari in questo blog

JURA, LA MONTAGNA INCANTATA

Consueta sera di approfondimento organizzata da Fisar Firenze e curata dai due bravi relatori Anna Paola Coppi e Leonardo Finetti.
Come spesso capita una vacanza diventa poi oggetto di studio legato alla passione e alla pura curiosità che ogni sommelier che si rispetti porta innata con se e poi sfocia in un interessante approfondimento durante queste serate.
Questa poi è una di quelle regioni vitivinicole piccole, al fianco della Borgogna, sopra alla Savoia e sotto all’ Alsazia che si studiano quasi esclusivamente in relazioni ai suoi vini speciali, il Vin Jaune, una specie di sherry non fortificato, il Vin de Paille, un passito con note estreme ossidative e il MacVin, il classico Vino Dolce Naturale, assimilabile alle tante mistelle (mosti fortificati) che vanno così di moda in Francia.
Questo territorio ha rischiato di scomparire a seguito della fillossera dei primi del novecento ma si è ripreso come sempre succede grazie ad una grande azienda, Henri Maire, (parlo di volumi prodotti) c…

Gita in Friuli : Az. Agricola Silvano Ferlat

Moreno ci aspetta in vigna, simpatico e gentile come sempre. Ci siamo incrociati già alcune volte in varie manifestazioni e conosco i suoi vini, ma visitarlo in azienda sarà una cosa diversa, ne sono sicuro. È una piccola azienda a conduzione familiare, fondata nel 1950, biologici non certificati dal 2000 e con certificazioni dal 2017. Obblighi di cui farebbero volentieri a meno visto che non aggiungono niente al loro lavoro se non costi e scartoffie. Siamo nella D.O.C. Friuli Isonzo ma molti loro vini sono per scelta IGT. Gli ettari di vigneto coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica sono 6,5, tutti lavorati con rame, zolfo e Bacillus, fertilizzanti naturali di origine animale. Nessun Sovescio visto la ricchezza organica dei terreni di argilla rossa, ciottoli e sabbie, ma anzi cura dell’inerbimento naturale che aiuti a contrastare un po’ la naturale vigoria della vigna. 
L’obbiettivo è ottenere vini personali e riconoscibili
“La qualità dell’uva passa attraverso il massimo ris…

Gita in Friuli : Villa Job

ALESSANDRO “Ho 34 anni e ho deciso di produrre vino per amore” …. Così si legge sul loro sito web e niente lo rappresenta meglio.
“Il giorno che decisi di intraprendere questo percorso iniziai a viaggiare tra Loira e Piemonte, Borgogna e Toscana alla ricerca di uno stile personale, del vino che doveva piacere a me” Così si presenta il proprietario dietro ai suoi occhiali che gli donano un’aria intellettuale e i baffetti arricciati che fanno tanta simpatia.
Il tempo non ci permette di partire come avrebbe voluto dalla vigna, ma il racconto della sua scelta di vita non lo fa rimpiangere e tutti rimaniamo attenti ad ascoltare le parole di un ragazzo giovane determinato che ha dato una svolta alla sua vita seguendo le orme del nonno con metodo e sperimentazione.
Avevo sentito due dei suoi vini al FIVI lo scorso novembre e mi ero innamorato di quel Pinot Grigio, tanto tipico in Friuli quanto perlopiù bistrattato e relegato a ruolo di vino sempliciotto, da grandi numeri. Un Pinot grigio di…