Passa ai contenuti principali

JURA, LA MONTAGNA INCANTATA




Consueta sera di approfondimento organizzata da Fisar Firenze e curata dai due bravi relatori Anna Paola Coppi e Leonardo Finetti.

Come spesso capita una vacanza diventa poi oggetto di studio legato alla passione e alla pura curiosità che ogni sommelier che si rispetti porta innata con se e poi sfocia in un interessante approfondimento durante queste serate.

Questa poi è una di quelle regioni vitivinicole piccole, al fianco della Borgogna, sopra alla Savoia e sotto all’ Alsazia che si studiano quasi esclusivamente in relazioni ai suoi vini speciali, il Vin Jaune, una specie di sherry non fortificato, il Vin de Paille, un passito con note estreme ossidative e il MacVin, il classico Vino Dolce Naturale, assimilabile alle tante mistelle (mosti fortificati) che vanno così di moda in Francia.

Questo territorio ha rischiato di scomparire a seguito della fillossera dei primi del novecento ma si è ripreso come sempre succede grazie ad una grande azienda, Henri Maire, (parlo di volumi prodotti) che ha fatto da traino e da rilancio a tanti piccoli coltivatori che dopo aver studiato nella vicina Beaune stanno portando innovazione in questa zona.

Clima, terreni, AOC, ….

Clima continentale-alpino con forti escursioni termiche, estati piovose e rischi frequenti di gelate che mettono a dura prova chi produce vino.
Una striscia di terra di soli 80Km che si allunga da Nord verso Sud-Ovest parallelamente alla Borgogna. Terreni antichi dove sono frequenti zone calcaree, marnose, e dovesi sono formate le classiche Reculee, canaloni chiusi e profondi dove si sviluppa la coltura della vite sui bordi scoscesi con esposizioni verso sud.
Tradizioni legate a doppio nodo alla produzione di vini ossidativi, conosciuti da secoli perché di facile conservazione e trasporto.
7 AOC di cui 3 regionali, Cotes du Jura e Cremant du Jura e MAcVin du Jura, 2 nella zona di Arbois, 1 a L’Etoile e la famosissima Chateau Chalon.

Vini e vitigni

5 vitigni, Chardonnay, Savagnin, Poulsanrd, Trousseau e Pinot Noir
I vini bianchi hanno la maggioranza della produzione e si dividono fondamentalmente in 2 stili, ossidativi e non ossidativi.
I primi si possono riconosce dall’etichetta dove potrebbe comparire la dicitura Sous Voile e si dividono a loro volta in Vin Jaune, Cuvee Tradition (chardonnay e savagnin) e Typè (chardonnay e savagnin.
I secondi invece potrebbero riportare in etichetta l’indicazione Ouillé e suddividersi ulteriormente in Floral (chardonnay) e Naturé (savagnin) 

Le realtà produttive sono le più variegate, tutti producono di tutto, ma due sono le tipologie che caratterizzano e danno valore da sempre alla zona :

Vin Jaune
Solo Savagnin, vendemmie tardive per cercare di dare il più alto grado zuccherino possibile e di conseguenza alcol (sono vini secchi). Vinificazioni tradizionali fino al completamento della malolattica. Travasi dopo circa sei mesi dalle Piece borgognone a botti grandi, scolme, dove affinerà 60 mesi sotto un velo di lietivi, la Voile, per sviluppare il classico gusto “gout de jaune” sempre condizionato dalla forza presenza di acetaldeidi che si sviluppano nel vino. Anche la bottiglia è particolare, il Clavelin, da 62,5cl.

Vin de Paille
Tutte le uve sono consentite con esclusione del Pinot Noir per realizzare questo passito per tanti versi assimilabile ai nostri Vin Santo. Le uve vengono appassite su paglia (ma non solo) da cui il nome, in cassette o appese, in locali ventilati ma non riscaldati. Alto contenuto zuccherino da 320 a 420 g/l e buon tenore alcolico, non inferiore ai 14%. Almeno 18 mesi di affinamento in legno prima del commercio.

Il vitigno :Savagnin !
Conosciuto anche col nome Naturé è il vitigno principe del Jura ed è notò quasi esclusivamente per la produzione del Vin Jaune. E’ un uva a maturazione tardiva con buccia molto spessa e una notevole acidà, probabile precursore di molte varietà europee. Ha una caratteristica che lo rende assolutamente riconoscibile, la capacità di sviluppare nel suo lungo affinamento uno spiccato e caratteristico aroma di Curry


.
VINI IN DEGUSTAZIONE

Domaine Pignier - Crémant du Jura Brut
100% chardonnay, perlage finissimo che accarezza la bocca, note leggere ed eleganti di fiori e pesche, buona freschezza e acuta mineralità nel finale del sorso.

Les Bottes Rouges - Arbois Léon 2015
Ancora chardonnay, grasso, borgognone per stile, mele e pompelmo maturi, confettura di limoni, pepe bianco e noce moscata, freschezza esplosiva e mineralità pirica.

Domaine de La Renardière - Arbois-Pupillin Ploussard 2015
Un rosso. Vitigno autoctono, il Ploussard. Nel calice sembra un rosato invecchiato tanto sono spiccate le venature arancio sopra un colore simile ad alcune realizzazioni fatte con Schiava. Un vino dal naso timido ma dal sorso esplosivo di zolfo e polvere pirica che si mischiano ad un gusto lampone delle caramelle Rossana di quando ero piccolo.

Domaine André et Mireille Tissot - Arbois Sélection 1993
Iniziamo a diventare molto tipici con questo “quasi” vin Jaune di ben 24 anni. Dico quasi perché se il processo segue quello tradizionale, i tempi di affinamento sono però molto più brevi per cercare di limitare la parte ossidativa Sous Voile. Il colore vira verso l’oro e i profumi sono quelli tipici, un po di volatile compresa. Frutta secca, frutta disidratata, spezie orientaleggianti e nel finale un vegetale che nel bicchiere assomiglia spiccatamente al sedano, si proprio al sedano, e ho insistito più volte perché incredulo. Un solo appunto per questo vino che entra bene in bocca, inizia a distendersi…e muore. Manca di persistenza a dispetto dalla complessa intensità aromatica e ancora una volta della grandissima freschezza e mineralità.

Domaine de Montbourgeau - L'Etoile Vin Jaune 2009
Ci siamo quasi e le stelle brillano. Ancora un piccolo spunto, Noci, gherigli e mallo, vaniglia e curry, note leggermente boisé. Speziature infinite e legni profumati, tra il dolce e l’acre. Tagliente come un rasoio e nacora una volta un vino contratto che non riesce a distendersi ampio in bocca. Punta dritto alla fine senza via di scampo.

Domaine Berthet-Bondet - Château-Chalon 2009
Le Roy, facile a dirsi ma non scontato. Questa volta il vino è ricco e persistente. Si spazia tra gli aromi consueti per arrivare fino ad accenni di idrocarburi, di cera e a note più dure per il palato, quasi metalliche. Il tutto però in un incredibile armonia. L’eleganza di tanti eccessi ben incastonati uno accanto all’altro.

L’invito alla serata recitava “+ 1 vino a sorpresa!”

Bugey-Cerdon Méthode Ancestrale Récolte Cécile Philippe Balivet
Servito con le bottiglie coperte si svela rosato e con un perlage intenso e finissimo ma non aggressivo. Al primo sorso non può essere che un ancestrale. Fragoline e melograno si sprigionano dal bicchiere. Se non fossimo in Francia verrebbe da pensare ad un Brachetto, ma non lo è. Il dosaggio per il mio palato è alto ma questo è solo questione del mio gusto personale. La foto vi racconterà tutto ma iniziate ad immaginarvi un Gamay (quello del beaujolais nouveau per capirsi) vinificato insieme a un 10% di Poulsard come un Moscato d’Asti a tappo raso ad avrete il vostro vino misterioso.

Applausi
Una bella serata in compagnia di tanti amici per un interessantissimo approfondimento su una zona assolutamente caratteristica e riconoscibile ma difficile da incontrare sul percorso quotidiano.



Commenti

Post popolari in questo blog

Gita in Friuli : Az. Agricola Silvano Ferlat

Moreno ci aspetta in vigna, simpatico e gentile come sempre. Ci siamo incrociati già alcune volte in varie manifestazioni e conosco i suoi vini, ma visitarlo in azienda sarà una cosa diversa, ne sono sicuro. È una piccola azienda a conduzione familiare, fondata nel 1950, biologici non certificati dal 2000 e con certificazioni dal 2017. Obblighi di cui farebbero volentieri a meno visto che non aggiungono niente al loro lavoro se non costi e scartoffie. Siamo nella D.O.C. Friuli Isonzo ma molti loro vini sono per scelta IGT. Gli ettari di vigneto coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica sono 6,5, tutti lavorati con rame, zolfo e Bacillus, fertilizzanti naturali di origine animale. Nessun Sovescio visto la ricchezza organica dei terreni di argilla rossa, ciottoli e sabbie, ma anzi cura dell’inerbimento naturale che aiuti a contrastare un po’ la naturale vigoria della vigna. 
L’obbiettivo è ottenere vini personali e riconoscibili
“La qualità dell’uva passa attraverso il massimo ris…

Montalcino gli ultimi vent'anni nel bicchiere - Azienda Agricola Innocenti