Passa ai contenuti principali

Ellenica - Vini Greci in terra di Toscana


Bella manifestazione ieri alla Divina Enoteca, nel centro storico di Firenze vicino al mercato di San Lorenzo che grazie alla collaborazione con il consolato greco è riuscita a presentare una ventina di vini tra bianchi, rossi e rosati oltre a un vinsanto.
Ottima anche la presentazione dei vini fatta dai sommelier FISAR presenti all'evento per il servizio. In generale per me era la prima volta che affrontavo queste tipologie di uve e di vini con molte sorprese per gusti inconsueti. Sicuramente la più grande sorpresa è stata trovare una grande qualità nelle lavorazioni in vigna e in cantina che hanno permesso di presentare tutti vini molto puliti e privi di difetti.
Due i grossi gruppi, divisi chiaramente tra bianchi e rossi, due tipi di rosato e un vinsanto che qualcuno riconosce per etimologia in "vino di Xanto". Prima di entrare nei dettagli un giudizio globale per i bianchi ricchi di profumi, freschi, con una spiccata mineralità, spesso di buon corpo mentre molto fruttati, sapidi, decisamente tannici e potenti i rossi. Interessanti i due rosati e particolarmente diverso dai nostri il vinsanto di Santorini.



OINIGOS Metropolis Gold 2008 

Aghiorghitiko 100%  Buona espressione di questa uva, frutti di bosco maturi, more e ribes, profumi netti sia al naso che in bocca, tanto legno, alla francese, un passaggio in barrique nuove per 12 mesi e 4 anni in bottiglia. Buon alcolicità e freschezza.




Melissinos Robola di Kefalonia e Gold

La Robola ha un assonanzo etimologica con la nostra Ribolla e anche i sentori non si spostano di molto sia da sola che in blend con altri vitigni, fiori bianchi e gialli, agrumi soprattutto il limone, salvo che per la grande sapidità dono del territorio dove crescono. Entrambi con una buona beva fresca e un corpo medio.


 Melissinos Mavro e Rodino

Entrambi espressione del Mavrodaphne di Cefalonia con due vinificazioni diversa, rosso secco e rosato. Mavro significa nero e rappresenta perfettamente il colore impenetrabile del vino, frutta rossa matura, balsamico e con una spiccata nota di caffè, di moka, vaniglia e spezie in abbondanza come dominante di tutti i rossi greci assaggiati. Il rosato mantiene leggero il chicco di caffè in sottofondo alla frutta rossa più delicata, a una buona freschezza e sapidità.

Chateau Nico Lazaridi

Vitigni internazionali sia per i bianchi che per i rossi con tendenza al bordolese in varie sfumature e quelche chicca molto particolare per i bianchi da cui partiamo. Di base sempre il Sauvignon Blanc ma in due sfumature diverse, insieme all' Assyrtiko nel Cavalieri e in un blend con Moscato d'Alessandria (Zibibbo) e Ugni Blanc (Trebbiano) nello Chateau Pyrgos. Che dire, quest'ultimo è veramente partocolarissimo, al naso il moscato predomina con un sentore di zibibbo netto e deciso mentre in bocca esce il sauvignon blanc con le sue note vegetali varietali. il trebbiano, tipicamente neutro, lega e da corpo ad entrambi. Diverso il Cavalieri dove il naso è quello tipico del Sauvignon ma la forte mineralità e i toni agrumati sono quelli dell' Assyrtiko. Entrabi con un discreto corpo e una piacevole beva.
I due rossi sono due tagli bordolesi con impiego di cabernet sauvignon, cabernet franc e merlot. Il clima fa la differnza nel risultato nonostante il sapiente uso del legno e soprattutto il Merlot ne risente pesantemente. Comunque ben lavorati e piacevolmente bevibili entrambi.

Gavalas Winery - Santorini

Tre bianchi e un vinsanto. Dalla sinistra della foto il Katsano, ennesimo autoctono per noi sconosciuto con una piccola percentuale di Gaidouria, fiori, limone e un leggero aroma di miele lo contraddistinguono assieme alla freschezza, mineralità un medio corpo e un buon equilibrio. Segue nella bottiglia blu la grande espressione del mare e della terra Greca, Santorini, Assyrtiko 100%, pere limone e ananas, gran corpo, grandissima freschezza e sapidità, da non smettere mai di berlo. Salto un attimo il vinsanto per passare alla destra alla perla della serata, Santorini Natural Ferment.
L'assyrtiko dimostra tutta la sua capacità di disporre di lieviti e il risultato è uno spumante metodo classico senza le bollicine, senza carbonica, ricco dei sentori di lieviti e bucce della fermentazione che accarezzano la bocca insieme a quella sensazione burrosa, grassa che donano gli spumanti. Infine il vinsanto, la vinificazione è simile alla nostra ma il clima caldo e l'appassimento sulla pianta invece che sui graticci cambia il risultato e quello che si ottiene, oltre che avere fortissime ossidazioni, manca un po della finezza dei nostri vinsanto pur ottenendo i sentori tipici della frutta secca e dei canditi di agrumi.


Skouras Domain

Si passa al Peloponneso, tra i monti della Grecia.
Moscofilero 100% è la proposta bianca. Le prime note sembra no quelle di un gewurztraminer, petali di rosa, miele, fiori e liches, bella acidità, buon corpo, e buona persistenza dove tornano delle note di agrumi e quaalche spezia dolce. Poi due rossi, dove rosso vuol dire Aghiorghitiko.

Grande Cuvée Nemea / 2008 vigne a 1000 metri, sui monti della Korinthia, rubino chiaro, simile a un sangiovese, fruttta rossa simile al sangiovese con qualche frutto di bosco nero insieme, corpo medio, spiccata acidità e tanti tannini morbidi e ben lavorati dalla barrique nei 12 mesi dove viene affinato. Cosa cambia dal sangiovese è la terra, il minerale che spicca come in alcune nostre versioni della costa, tipo quelle della zona di Montescudaio.
Il fratello Saint George, coltivato più in basso, gli assomiglia anche se perde un po in complessità lasciando più spazio ai tannini e al legno. Entrambi hanno bisogno di riposare degli anni per potersi esprimere al meglio.

Palivos Estate

Quando il gioco si fa duro, i duri entrano in campo !
Un bianco, un rosato e due rossi veramente tosti.
Il bianco, Stone Hills, è un blend di chardonnay e malagousia (direi una malvasia per assonanza e caratteristiche organolettiche) che da una spiccata nota aromatica tipica putroppo non molto sostenuta dallo chardonnay che evidentemente non trova un terreno o un clima per esprimersi al meglio e a cui viene soffocata l'acidità proprio dalle note morbide e fruttate della malvasia. Il rosato Vissino, dove inizia a giocare l' Agiorgitiko insieme al Syrah, ha un colore incredibile, porpora vivo, luminoso, brillante.In bocca di distingue per corpo e per un forte aroma di fragoline di bosco pungente per la tanta freschezza di cui dispone. e si arriva ai rossi potenti, forti, tannici, con una grande struttura, un gran corpo e un gran legno. Vini così hanno bisogno di riposare a lungo per esprimersi al meglio perchè i tannini di cui dispongono ti afferrano la bocca e te la chiudono in una morsa forte. Le note sono le stesse di frutta rossa, vegetali, speziate e anche i terziari si fanno sentire ancora troppo oppressi dal tannino. bisogna avere pazienza per godersi al meglio sia AMMOS che ESATATE.

CHRISOHOOU Estate


Un bianco da 100% Priknadi, PREKNIARIKO, ennesimo autoctono poco conosciuto che rende un vino alcolico ricco di profumi, sapido e fresco, un Blanc de noir da XINOMAVRO che fa un percorso simile a quello del pinot nero per gli spumanti per ottenere un vino floreale e agrumato e per finire due rossi da Xinomavro, NAOUSSA e ESTATE putroppo anche in questo caso soffocati abbastanda da un uso intenso delle barrique.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

JURA, LA MONTAGNA INCANTATA

Consueta sera di approfondimento organizzata da Fisar Firenze e curata dai due bravi relatori Anna Paola Coppi e Leonardo Finetti.
Come spesso capita una vacanza diventa poi oggetto di studio legato alla passione e alla pura curiosità che ogni sommelier che si rispetti porta innata con se e poi sfocia in un interessante approfondimento durante queste serate.
Questa poi è una di quelle regioni vitivinicole piccole, al fianco della Borgogna, sopra alla Savoia e sotto all’ Alsazia che si studiano quasi esclusivamente in relazioni ai suoi vini speciali, il Vin Jaune, una specie di sherry non fortificato, il Vin de Paille, un passito con note estreme ossidative e il MacVin, il classico Vino Dolce Naturale, assimilabile alle tante mistelle (mosti fortificati) che vanno così di moda in Francia.
Questo territorio ha rischiato di scomparire a seguito della fillossera dei primi del novecento ma si è ripreso come sempre succede grazie ad una grande azienda, Henri Maire, (parlo di volumi prodotti) c…

Gita in Friuli : Az. Agricola Silvano Ferlat

Moreno ci aspetta in vigna, simpatico e gentile come sempre. Ci siamo incrociati già alcune volte in varie manifestazioni e conosco i suoi vini, ma visitarlo in azienda sarà una cosa diversa, ne sono sicuro. È una piccola azienda a conduzione familiare, fondata nel 1950, biologici non certificati dal 2000 e con certificazioni dal 2017. Obblighi di cui farebbero volentieri a meno visto che non aggiungono niente al loro lavoro se non costi e scartoffie. Siamo nella D.O.C. Friuli Isonzo ma molti loro vini sono per scelta IGT. Gli ettari di vigneto coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica sono 6,5, tutti lavorati con rame, zolfo e Bacillus, fertilizzanti naturali di origine animale. Nessun Sovescio visto la ricchezza organica dei terreni di argilla rossa, ciottoli e sabbie, ma anzi cura dell’inerbimento naturale che aiuti a contrastare un po’ la naturale vigoria della vigna. 
L’obbiettivo è ottenere vini personali e riconoscibili
“La qualità dell’uva passa attraverso il massimo ris…

Gita in Friuli : Villa Job

ALESSANDRO “Ho 34 anni e ho deciso di produrre vino per amore” …. Così si legge sul loro sito web e niente lo rappresenta meglio.
“Il giorno che decisi di intraprendere questo percorso iniziai a viaggiare tra Loira e Piemonte, Borgogna e Toscana alla ricerca di uno stile personale, del vino che doveva piacere a me” Così si presenta il proprietario dietro ai suoi occhiali che gli donano un’aria intellettuale e i baffetti arricciati che fanno tanta simpatia.
Il tempo non ci permette di partire come avrebbe voluto dalla vigna, ma il racconto della sua scelta di vita non lo fa rimpiangere e tutti rimaniamo attenti ad ascoltare le parole di un ragazzo giovane determinato che ha dato una svolta alla sua vita seguendo le orme del nonno con metodo e sperimentazione.
Avevo sentito due dei suoi vini al FIVI lo scorso novembre e mi ero innamorato di quel Pinot Grigio, tanto tipico in Friuli quanto perlopiù bistrattato e relegato a ruolo di vino sempliciotto, da grandi numeri. Un Pinot grigio di…