Passa ai contenuti principali

Vini Greci in terra di Toscana

Bellissima manifestazione in arrivo alla Divina Enoteca di Firenze.
Imperdibile degustazione di 23 vini greci selezionati in collaborazione con Il Consolato di Grecia a Firenze.
Per la prima volta a Firenze un interessante viaggio fra vitigni autoctoni greci e internazionali.

La degustazione è al banco dalle ore 17.30 alle 21.00 circa. Ingresso € 8.00
NON OCCORRE PRENOTARE


Un' occasione unica per imparare a consocere vini Greci in una cornice accogliente come quella della Divina Enoteca, nel centro storico di Firenze.

Ecco i vini i degustazione
Seguiranno al più presto le mie note.

Commenti

Post popolari in questo blog

Gita in Friuli : Meroi

“Nella vita quando puoi scegliere sei sempre ricco” <cit. Damiano> Siamo arrivati nel comune di Buttrio, in Provincia di Udine. A ridosso de Fiume Torre e vicinissimo al fiume Natisone sui colli orientale del Friuli. Fiumi che rispettivamente si trovano ad Est e a Ovest del piccolo comune collinare e generano un microclima ideale per la coltivazione delle uve. La cantina inizia la propria attività nel 1920, Paolo Meroi prosegue con successo l’attività iniziata dal bisnonno già a fine ‘800, con circa 12 ettari di vigne sulle colline di Buttrio e Rosazzo. La svolta a partire dagli anni ’60. Oggi quegli ettari sono circa 20, destinati a diventare 30 nei prossimi anni. Basse rese che riescono a produrre circa sessantamila bottiglie. Le vigne non sono concimate e i trattamenti come di consueto si limitano a zolfo e rame. Cura maniacale per le maturazioni soprattutto per i vini bianchi che se nel caso perdono qualcosa nella freschezza e ricchezza olfattiva, per contro si

Gita in Friuli : Mario Schiopetto

1965 - Mario imbottiglia il primo “Tocai“ e da inizio alla storia del vino bianco friulano moderno. Un pioniere che come spesso accade è un visionario che prende spunto dall’osteria del padre e dai lunghi viaggi fatti come camionista per vedere, imparare e sviluppare. Grandi intuizioni, carattere, tenacia e voglia di apprendere lo legheranno negli anni ai grandi dell’enologia moderna, da Veronelli a Gaja, a Incisa della Rocchetta, Ceretto, Antinori, Biondi Santi. La storia del vino di qualità in Italia passa per queste vigne. Proprio i viaggi segneranno il suo stile, l’eleganza Francese e la tecnologia Tedesca insieme all’uva Friulana segneranno in modo indelebile i vini di questa azienda. Ci accompagna nella visita l’enologo dell’azienda, gli Scopietto (figli) hanno venduto la proprietà ad un importante gruppo ma lui parla e ci racconta come se fossero ancora loro a guidarla. Come se fosse ancora Mario. Tanta passione e consapevolezza. Una trentina di ettari

Montalcino gli ultimi vent'anni nel bicchiere - Azienda Agricola Innocenti

6 dicembre, una magnifica giornata di sole, un gruppo di amici appassionati. Destinazione Montalcino, Frazione Torrenieri, Località Citille di Sotto, all'estremo dei terreni del comune. Colline dolci che guardano Montalcino, circa 400metri s.l.m. con vigne ben esposte a sud. Azienda familiare dei fratelli Massimo e Gianni Innocenti che ci aspettano cordiali come sempre, insieme all’enologo dell’azienda, per una fantastica verticale di 8 annate di Brunello di Montalcino più l’anteprima della 2012 che tra poco sarà messa in commercio. E come se non bastasse 2 annate di Brunello Riserva e 2 annate lontane tra loro di Vignalsole, il loro IGT che unisce al Sangiovese del Cabernet Sauvignon e del Merlot. Cinque ettari di vigneto in tutto coltivati nel rispetto degli impianti storici per ottenere il massimo risultato qualitativo. Si è proprio la qualità del prodotto su cui questa famiglia si impegna quotidianamente. Il Brunello che producono è quello p