Passa ai contenuti principali

Louis Latour - Bourgogne Pinot Noir 2012

Approfittando di una promozione di un noto portale di vendita vino avevo aquistato un po di bottiglie varie di Pinot nero della Borgogna e non solo, tra cui questo Louis Latour del 2012.

Fermentazione tradizionale in vasche aperte, 10/12 mesi in vasche di acciaio e via in commercio, come da tradizione.

Rosso rubino brillante, intenso e trasparente, degno dei migliori Pinot neri, naso ricco di profumi di frutti di bosco, mirtilli, ribes nero, more.
In bocca di medio corpo, poco alcolico, morbido, fine e elegante, pulito in un modo che solo i francesi sanno fare, si conferma negli aromi e gode di una grande beva sostenuta da una splendida freschezza e da tannini lievissimi.

Un leggero chicco di caffè dona al finale un aroma complesso e godibile.
Più bevo pinot della Borgogna, più tutti gli altri si allontanano inesorabilemnte salvo togliere qualche buona eccezione nel trentino (Mazzon) e pochissimo altro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Gita in Friuli : Az. Agricola Silvano Ferlat

Moreno ci aspetta in vigna, simpatico e gentile come sempre. Ci siamo incrociati già alcune volte in varie manifestazioni e conosco i suoi vini, ma visitarlo in azienda sarà una cosa diversa, ne sono sicuro. È una piccola azienda a conduzione familiare, fondata nel 1950, biologici non certificati dal 2000 e con certificazioni dal 2017. Obblighi di cui farebbero volentieri a meno visto che non aggiungono niente al loro lavoro se non costi e scartoffie. Siamo nella D.O.C. Friuli Isonzo ma molti loro vini sono per scelta IGT. Gli ettari di vigneto coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica sono 6,5, tutti lavorati con rame, zolfo e Bacillus, fertilizzanti naturali di origine animale. Nessun Sovescio visto la ricchezza organica dei terreni di argilla rossa, ciottoli e sabbie, ma anzi cura dell’inerbimento naturale che aiuti a contrastare un po’ la naturale vigoria della vigna. 
L’obbiettivo è ottenere vini personali e riconoscibili
“La qualità dell’uva passa attraverso il massimo ris…

Montalcino gli ultimi vent'anni nel bicchiere - Azienda Agricola Innocenti

I profumi di Lamole

Calda sera di luglio, senza andare al mare…. c’è una bella serata al To Wine con i produttori di Lamole, c’è l’aria condizionata, amici, grandi vini del territorio, i produttori e un bel buffet. Affare fatto ! Lamole è un anfiteatro naturale posto a metà tra Greve e Radda, tra i 500 e i 700 metri di altitudine, che si apre protetto a nord dal Monte San Michele con un’esposizione ottimale per coltivare olivi e viti. Perfetto !



Territorio Terreni di origine marina friabili e quasi aridi, quasi sabbia, poca argilla, poco fertili. Già dall’epoca romana si coltiva la vite da queste parti e già dai primi dell’800 si riconoscono le qualità dei vini di questa perla del Chianti. Tante vigne con tantissimi anni da raccontare. Strette terrazze con muri a secco che creano un paesaggio fatto di tante lingue di terra, piccole lame, forse le “Lamole” da cui prende il nome. Terreni adatti per il giaggiolo, fiore della tipicità toscana, che dona alla terra i suoi profumi di cui anche il vino si arricchis…