Passa ai contenuti principali

Al 7° Cielo

23 Settembre, Divina Enoteca, la degustazione al 7° cielo, Montrachet Grand Cru

Un occasione unica per degustare alcuni tra i migliori vini del mondo, sicuramente delle grandi eccellenza da una delle zone vinicole più antiche e celebrate.

La batteria dei vini è di interesse assoluto



Cinque Grand Cru dove si incontrano  l' eleganza dello Chevalier Montrachet di Philippe Colin, la grande freschezza del Criots Batard Montrachet di Fontaine Gagnard entrambi frutto della vendemmia 2012, annata ottima per i bianchi; la compostezza del Batard Montrachet di Bachelet Monnot e la perfezione stilistica del Bienvenues Batard Montrachet di Olivier Leflaive, in questo caso parliamo invece di bottiglie relative all’annata 2011, che ci regala vini più caldi e avvolgenti. Discorso a parte merita il Montrachet di Bouchard Père & Fils, sempre del 2011, un vero gigante seppure ancora giovanissimo, ma dalla complessità davvero incredibile: agrumi, pietra focaia e spezie dolci ci hanno regalato delle sensazioni davvero indimenticabili. 


 





Mi tuffo nella degustazione concentratissimo, attento a non perdere una sola sfumatura



Dopo una bella presentazione sulla zona,e sulle caratteristiche, entriamo direttamente nel vivo dei vini che tutti aspettavano e che iniziano a scorrere nei bicchieri uno dopo l'altro.







Le emozioni crescono in attesa di arrivare al Re della serata











e eccoci ai vini nella sequenza di servizio



Criots-Bâtard-Montrachet Grand Cru 2012
Fontaine-Gagnard
1/5 -  0,33ha,  vigne di 12 anni, 900 bottiglie all'anno, 12 mesi legno di cui 30% nuovo. Dorato cristallino, fiori gialli, tanti, fino alla camomilla, frutta, soprattutto agrumi, pompelmo grande corpo, struttura, fresco vivissimo, sapido ma perfettamente equilibrato e di grandissima eleganza. Lunghissimo e con retro olfattiva meravigliosa che aprendosi dona una c'era d'api e note burrose.






Bienvenues-Bâtard-Montrachet Grand Cru 2012
Olivier Laflaive
2/5 - 600 bottiglie anno, vigne di 43anni, 3,68ha, 18 mesi di legno 50%nuovo che non si sente se non dopo un ora che sta nel bicchiere. Oltre alle note tipiche buona balsamica di erbe aromatiche timo, e un tarassaco in evidenza tra i fiori, pomposo, vellutato, burroso, tagliente, sapido elegante e complesso. Anche qui chi la fa da padrona è una meravigliosa retro olfattiva.






Bienvenues-Bâtard-Montrachet Grand Cru 2011
Bachelet-Monnot
3/5 - 600 bottiglie anno vigne di 50 anni, 18 mesi di legno 40% nuovo più 8 mesi in vasche sui lieviti. Ha stentato tanto ad aprirsi e quando gli altri iniziavano a sedersi lui ha preso il sopravvento. Legno più netto al naso, ginestre e camomilla, the verde, pere kaiser e mela cotogne, equilibrio non perfetto, leggermente spostato verso le note morbide, nel finale una nota morbida di cenere e burro.





Chevalier Montrachet Grand Cru 2012
Philippe Colin
4/5 - il re della Serata! 0,27ha, 45 anni, 1300 bottiglie, lutte raisonée (presto biologico) acciaio e legno nuovo 60%, batonnage regolari, 13 mesi e un leggero filtraggio. Fiori di tiglio, camomilla, agrumi, foglia di the, leggere note ossidative e burrose, assolutamente armonico e sontuoso, pomposo e tagliente in continua evoluzione dove anche qui la retro domina la gioia percettiva.





Montrachet Grand Cru Domaine 2011
Bouchard Père & Fils
5/5 - monsier montrachet, la stella della serata rimasta al palo. Lavorazioni e cura della vigna esclusive e maniacali come per il pargolo di un re. Purtroppo ancora troppo giovane si mostra nel suo splendore ma non ancora così eccelso come il Chevalier del 2012. Oltre alle note comuni a questi vini una bella balsamicità. Avrà sicuramente una grandissima evoluzione degna del suo rango ma per adesso cede il passo. Comunque sia siamo al 7° cielo nella degna conclusione di una serata indimenticabile


Ancora una volta un grosso grazie a FISAR Firenze e a tute le sue persone per la realizzazione di questa magnifica serata
















Commenti

Post popolari in questo blog

Gita in Friuli : Az. Agricola Silvano Ferlat

Moreno ci aspetta in vigna, simpatico e gentile come sempre. Ci siamo incrociati già alcune volte in varie manifestazioni e conosco i suoi vini, ma visitarlo in azienda sarà una cosa diversa, ne sono sicuro. È una piccola azienda a conduzione familiare, fondata nel 1950, biologici non certificati dal 2000 e con certificazioni dal 2017. Obblighi di cui farebbero volentieri a meno visto che non aggiungono niente al loro lavoro se non costi e scartoffie. Siamo nella D.O.C. Friuli Isonzo ma molti loro vini sono per scelta IGT. Gli ettari di vigneto coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica sono 6,5, tutti lavorati con rame, zolfo e Bacillus, fertilizzanti naturali di origine animale. Nessun Sovescio visto la ricchezza organica dei terreni di argilla rossa, ciottoli e sabbie, ma anzi cura dell’inerbimento naturale che aiuti a contrastare un po’ la naturale vigoria della vigna. 
L’obbiettivo è ottenere vini personali e riconoscibili
“La qualità dell’uva passa attraverso il massimo ris…

JURA, LA MONTAGNA INCANTATA

Consueta sera di approfondimento organizzata da Fisar Firenze e curata dai due bravi relatori Anna Paola Coppi e Leonardo Finetti.
Come spesso capita una vacanza diventa poi oggetto di studio legato alla passione e alla pura curiosità che ogni sommelier che si rispetti porta innata con se e poi sfocia in un interessante approfondimento durante queste serate.
Questa poi è una di quelle regioni vitivinicole piccole, al fianco della Borgogna, sopra alla Savoia e sotto all’ Alsazia che si studiano quasi esclusivamente in relazioni ai suoi vini speciali, il Vin Jaune, una specie di sherry non fortificato, il Vin de Paille, un passito con note estreme ossidative e il MacVin, il classico Vino Dolce Naturale, assimilabile alle tante mistelle (mosti fortificati) che vanno così di moda in Francia.
Questo territorio ha rischiato di scomparire a seguito della fillossera dei primi del novecento ma si è ripreso come sempre succede grazie ad una grande azienda, Henri Maire, (parlo di volumi prodotti) c…

Montalcino gli ultimi vent'anni nel bicchiere - Azienda Agricola Innocenti