Passa ai contenuti principali

Pizzaevino !!!

Serata di abbinamenti inconsueti alla scoperta dei confini della pizza e del vino. Basta abbinamenti classici con la birra o con Asprinio o con bianchi e rossi Campani. Quelli li sanno fare tutti. A noi piace sperimentare, andare oltre per imparare ma soprattutto per il piacere di farlo.

Pizzeria Mamma Napoli a Firenze, in San Lorenzo, pizzaioli d’eccezione, il meglio sulla piazza. Giovanni Santarpia (Pizzeria Santarpia), premiato lo scorso anno con i 3 spicchi dal Gambero Rosso, e Raffaele Menna (Pizzeria Mamma Napoli), premiato come miglior pizzaiolo emergente del centro Italia nel 2014.
Oltre 50 partecipanti FISAR, l'immancabile delegato, un relatore campano come le pizze, Martin, che sono sicuro avrà lottato fino all'ultimo per organizzare la serata con Caprettone e Fiano. Livio e le sue note degustative, Laura a fare sfoggio di se e della segreteria nazionale e tanti, tanti, tanti, tanti corsisti oltre a tre bravi sommelier a fare servizio.
Veniamo al sodo e tuffiamoci tra pizze e vini

Jean Baillette-Prudhomme - Champagne Brut Réserve 1er Cru
Che lo champagne abbracci la pizza oramai è risaputo. Questo poi lo conosco bene da tempo. Un po’ ruffiano per il suo classico dosaggio e per la sua cuvée. Spostato verso leggere ossidazioni, concede note di nocciole e noci. Una lieve nota di miele e agrumi canditi. Una punta di amarognolo, di ginger, che non guasta. Servito con i classici Frittini napoletani puliva egregiamente la bocca cercando di assecondarli e di coccolarli. A seguire ha accompagnato una più classica Pizza pomodoro del piennolo e bufala, perfetta armonia tra sapidita e grassezza del formaggio e la dolcezza appena aspra del pomodoro.



Cantine dell'Angelo - Torrefavale Greco di Tufo 2014
Nessuno avrebbe mai detto alla cieca che era un Greco di Tufo. Il vulcano si sente e sprizza zolfo da ogni poro. Un po’ di macerazione che ben si vede dal colore quasi dorato. Un corpo importante. Fiori gialli e frutta matura. Somiglia ad un fiano? Potrebbe essere se non ci fosse quella vena sbuffante sulfurea a distrarre l'eleganza. La pizza in abbinamento è ottima. Pomodorini gialli e provola affumicata. La dolcezza del pomodorino che equilibra sapidità e freschezza del vino e le note fumeè e grasse della provola che si intrecciano con la forza del vulcano. Campania 100%




Ferlat - Friuli Isonzo Friulano 2015
Bel caratterino tagliente e grandi profumi tipici di frutta bianca e fiori. Di erbe aromatiche. Spiccata mineralità regalato dalla zona di origine. Abbinamento estemporaneo con pizza ricotta zucchine e menta. La balsamicità della menta è veramente tanto attraente quanto irraggiungibile. Sovrasta tutto, piacevolmente profumata. Per il resto sembravano due bimbi cresciuti nella stessa culla. E si abbracciavano stretti stretti.





Andrea Felici - Cantico della Figura Verdicchio dei Castelli di Jesi Riserva 2013
Con i vari Verdicchio stanno facendo passi da gigante e sia bianchi AA che i Campani devono stare attenti perché questi marchigiani hanno un carattere importante e vincente. Frutta bianca intensa , spezie dolci, noce moscata e pepe bianco. Fiori bianchi. Tanta freschezza. Buon corpo e bella struttura. La sua compagna era una Pizza zucca gialla e pancetta, dolce e sapida, morbida e croccante. Un gioco di seduzione infinito tra cibo e vino dove ciascuno ha il suo ruolo e nessuno domina l'altro. Ben riuscito.




Marilena Barbera - La Bambina Rosato 2015
Era difficile stare dietro a questa pizza e a questi aromi ma questo bel rosato siciliano da Nero d’Avola ha tenuto la ruota fino in fondo. Rame cristallino. Frutti rossi croccanti che esplodono intensi nel bicchiere, buona balsamicità, fresco e sapido. La pizza con impasto al nero di seppia, seppie e pomodorini. La mia preferita. Profuma di estate e di mare e si è preannunciata in tutto il suo gusto ancor prima di raggiungere i tavoli. Il vino forse era un po’ sotto, forse. O forse non così tanto ;-)





Clos Naudin - Vouvray Demi-Sec 2003

Della serie “famolo strano” . Chenin dalla valle della Loira Demi-Sec. Non ho trovato i dati del vino per controllare il residuo zuccherino ma dovremmo essere oltre i 30g/lt di zuccheri. Esotico. Sorprendente, frutta secca, fichi e albicocche, mieloso. Freschissimo, tanto da reggere egregiamente tutto il suo zucchero. Sapido e lungo, lungo, lungo…. Piacevole e divertente. Abbinato con pizza ai fiori di zucca, caprino e miele ha trovato una parvenza di equilibrio solo nel boccone dove il miele era più importante. Per il resto vinceva lui, sempre, senza alcun dubbio. Ma chi avrebbe mai messo un Demi-Sec su una Pizza ?






Chissà la prossima volta dove ci spingeremo, ma questo non è importante…l’importante è andare oltre e sperimentare nuovi orizzonti. Se poi saranno piacevoli godremo, altrimenti un po meno. Sicuramente ci saremo arricchiti !




 Le foto sono gentilmente offerte dalla Delegazione Fisar di Firenze, perché a Firenze #ScegliFisar

Commenti

Post popolari in questo blog

Gita in Friuli : Az. Agricola Silvano Ferlat

Moreno ci aspetta in vigna, simpatico e gentile come sempre. Ci siamo incrociati già alcune volte in varie manifestazioni e conosco i suoi vini, ma visitarlo in azienda sarà una cosa diversa, ne sono sicuro. È una piccola azienda a conduzione familiare, fondata nel 1950, biologici non certificati dal 2000 e con certificazioni dal 2017. Obblighi di cui farebbero volentieri a meno visto che non aggiungono niente al loro lavoro se non costi e scartoffie. Siamo nella D.O.C. Friuli Isonzo ma molti loro vini sono per scelta IGT. Gli ettari di vigneto coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica sono 6,5, tutti lavorati con rame, zolfo e Bacillus, fertilizzanti naturali di origine animale. Nessun Sovescio visto la ricchezza organica dei terreni di argilla rossa, ciottoli e sabbie, ma anzi cura dell’inerbimento naturale che aiuti a contrastare un po’ la naturale vigoria della vigna. 
L’obbiettivo è ottenere vini personali e riconoscibili
“La qualità dell’uva passa attraverso il massimo ris…

JURA, LA MONTAGNA INCANTATA

Consueta sera di approfondimento organizzata da Fisar Firenze e curata dai due bravi relatori Anna Paola Coppi e Leonardo Finetti.
Come spesso capita una vacanza diventa poi oggetto di studio legato alla passione e alla pura curiosità che ogni sommelier che si rispetti porta innata con se e poi sfocia in un interessante approfondimento durante queste serate.
Questa poi è una di quelle regioni vitivinicole piccole, al fianco della Borgogna, sopra alla Savoia e sotto all’ Alsazia che si studiano quasi esclusivamente in relazioni ai suoi vini speciali, il Vin Jaune, una specie di sherry non fortificato, il Vin de Paille, un passito con note estreme ossidative e il MacVin, il classico Vino Dolce Naturale, assimilabile alle tante mistelle (mosti fortificati) che vanno così di moda in Francia.
Questo territorio ha rischiato di scomparire a seguito della fillossera dei primi del novecento ma si è ripreso come sempre succede grazie ad una grande azienda, Henri Maire, (parlo di volumi prodotti) c…

Gita in Friuli : Villa Job

ALESSANDRO “Ho 34 anni e ho deciso di produrre vino per amore” …. Così si legge sul loro sito web e niente lo rappresenta meglio.
“Il giorno che decisi di intraprendere questo percorso iniziai a viaggiare tra Loira e Piemonte, Borgogna e Toscana alla ricerca di uno stile personale, del vino che doveva piacere a me” Così si presenta il proprietario dietro ai suoi occhiali che gli donano un’aria intellettuale e i baffetti arricciati che fanno tanta simpatia.
Il tempo non ci permette di partire come avrebbe voluto dalla vigna, ma il racconto della sua scelta di vita non lo fa rimpiangere e tutti rimaniamo attenti ad ascoltare le parole di un ragazzo giovane determinato che ha dato una svolta alla sua vita seguendo le orme del nonno con metodo e sperimentazione.
Avevo sentito due dei suoi vini al FIVI lo scorso novembre e mi ero innamorato di quel Pinot Grigio, tanto tipico in Friuli quanto perlopiù bistrattato e relegato a ruolo di vino sempliciotto, da grandi numeri. Un Pinot grigio di…