martedì 25 aprile 2017

Supereroici liguri : Possa



Viticultura supereroica

Valentina ci aveva parlato di questa cantina e di una visita fantastica, coinvolgente, di ottimi vini, salati all’inverosimile ma impossibili da abbandonare nel calice. Approfittiamo del weekend lungo del 25 Aprile per fare un giro alle Cinque Terre, prenotiamo un monolocale a Levanto, e fissiamo con SAMUELE - HEYDI BONANINI una visita alla sua azienda. Gentilissimo e disponibile fin da subito, sarebbe stato praticamente impossibile da localizzare, ma siamo d’accordo che arriveremo in treno a Riomaggiore per le 9.30 circa e lui puntualissimo sarà li ad aspettarci in cima al paese, davanti all’ufficio del turismo. Non c’è stato neppure bisogno di richiamarsi e come per un sesto senso ci ha identificato subito, e non eravamo soli davanti a quell’ufficio.



Incontro alla natura

Il percorso in auto è breve e arriviamo su un tornante subito sopra al paese dove apparentemente non c’è niente. Una catena che chiude l’accesso a pochi metri quadri di parcheggio tra la macchia mediterranea, giusto un rifugio per lasciare l’auto, attraversiamo il tornante verso al nulla dove una volta raggiunto il lato opposto della strada si apre un panorama unico a strapiombo sul mare, ricco di macchie gialle e viola dei tanti cespugli.
Iniziamo a scendere a picco su alti scalini e si mostrano a noi i muretti a secco che ospitano ciascuno un filare di vigna, ogni metro quadro ospita 2 piante circa che si inerpicano tra loro a cercare la vita, il sole, la luce contro un baratro alto e profondo che scende chissà come al mare. Capre e stambecchi potrebbero lavorare la terra qui e oltre a loro solo Samuele che qui ci è nato e ancora oggi vive e lavora quella terra dal colore scuro, fatta di pietrisco di arenaria. Questa è la sua casa e si vede dal volto, dalla gioia che esprime per ogni parola, per ogni racconto a cui non si sottrae, per il piacere di rispondere a ogni domanda.



Triple “A”

Triple “A” non per moda ma per natura, perché questa è la sua vita. Perché solo uno che qui ci è cresciuto comprende cosa vuol dire lavorare quella terra sicuramente ostile. Cosa significa scendere e salire quelle balze con pochi aiuti per portare le pietre che servono a manutenere i muretti a secco che sostengono da sempre queste povere coltivazioni. E allo stesso modo orgoglioso di far crescere suo figlio negli stessi luoghi e con le stesse passioni, con la stessa vitalità. Lotta ragionata, culture biologiche ma senza certificazioni troppi registri inutili da gestire. Troppi costi che non aggiungono niente alla qualità che insegue.
Per lui le uve sono Bosco e Albarola. Il Vermentino non fa parte della sua natura, troppo facile, troppo ruffiano, poco espressivo. Per lui il vino è Sciacchetrà, solo quello vorrebbe produrre, ma poi uno deve pur vivere a dispetto delle mille complicazioni della burocrazia e allora si produce anche Cinque Terre, il suo Cinqueterre senza Vermentino e sperimenta e maledice i disciplinari vaghi, soggetti a valutazioni soggettive quando si parla di profumo: intenso, netto, fine, persistente; sapore: secco, gradevole, sapido, caratteristico; con cui a volte si deve lottare perché i vini non vengano esclusi dalla denominazione.



Lavorare la terra

Tutte le operazioni in vigna sono biologiche, la terra viene ancora zappata a mano, zolla dopo zolla. E come potrebbe essere altrimenti. Concimi naturali, rame e zolfo per i trattamenti. Vendemmia in piccole cassette scolme per evitare che gli acini si danneggino, sgranatura manuale dei grappoli con selezione maniacale della qualità delle uve.



Il lavoro in cantina

E poi la cantina…due cantine. Una all’inizio del paese per i vini secchi e una storica, all’interno del paese, in una strada dove neppure una biciletta riuscirebbe a passare, destinata allo Sciacchetrà.
Vinificazioni spesso accompagnate da brevi macerazioni, 4/5 giorni, fermentazioni naturali, affinamenti in legni particolari spesso usati per l’aceto non per il vino, di ciliegio, castagno, pero, acacia e rovere e adesso anche in vari contenitori di terracotta di diverse misure e materiali. Solo terracotta, niente smalti o vetro, altrimenti sarebbe come farlo in inox.
La ricetta dei bianchi è semplice, Bosco = Freschezza, mineralità e sapidità, Albarola per la morbidezza. Fine.
Basse rese, queste uve non sono Vermentino. Difficile trovare persone in gamba disposte a sacrificarsi in vigna, quasi mai italiani. Qui tutto è essenziale, manuale, faticoso e doloroso. Lavoro di altri tempi.
Negli anni ha cambiato il modo di coltivare. All’inizio erano tutte vendemmie tardive per cercare di ottenere zuccheri e morbidezza, oggi le vendemmi sono quelle tradizionali e il vino che ne esce taglia la bocca, sapido e acuminato, indifferentemente che sia bianco o rosso o che sia Sciacchetrà.



Sogni e realtà

Il suo sogno è tornare a fare la vendemmia con le barche, come si vede in antichi filmati dell’Istituto Luce che ci mostra orgoglio di aver recuperato presso gli archivi della RAI a caro prezzo. A portare via i grappoli con le ceste di legno e non di plastica come nella tradizione. Ma prima bisogna riuscire ad arrivare al mare e ancora mancano delle terrazze per scendere. Mancano dei muretti, dei filari.  Ancora serve della lotta per strappare terreno alla natura impervia di queste coste.
Il diserbo in origine era fatto chimicamente dai vecchi, ma poi la consapevolezza della morte dei terreni ha portato Samuele ad usare la zappa per girare le zolle e con loro l’erba che ci cresce.
I racconti percorrono la vita sua, della sua famiglia di origine, della sua famiglia attuale. Del figlio a cui costruisce armi di legno per farlo divertire o lo lascia libero di andare a cercare uova di tutti i colori dalle galline che tiene in vigna. Uova blu, uova nere, uova maculate. Racconti della fatica dello spostare pietre e zappare, del mantenere sano il binario dove scorre il trenino, unico sussidi per i trattamenti e per spostare le cassette con l’uva durante la vendemmia. Dei costi alti necessari per qualunque cosa serva giù per queste balze.

I numeri

Due ettari e mezzo su tre zona, divisi in micro appezzamenti dove al massimo corrono 2 o 3 filari.
Diecimila bottiglie in tutto, di cui un migliaio tra Sciacchetrà e uno strabiliante passito da uve rosse Cannaiolo e Bonamico. A breve arriverà un rosato su cui sta facendo prove, nato per caso dopo una grandinata che aveva distrutto buona parte del Cannaiolo prima dell’ultima vendemmi, con l’aggiunta del moscato nero di cui ha giusto un paio di filari coltivati per il piacere del nonno che la utilizzava come uva da tavola.
Sedici le tipologie diverse di uva presenti su queste terrazze.
Il paesaggio che fa da cornice ai racconti è un puzzle di piante aromatiche, di timo, di rosmarino, di salvia, di fichi d’india, di capperi. Un solo ulivo, antico, spicca tra le vigne. La pergola era la forma di allevamento di una volta ma pian piano è stata sostituita dai filari, più facili da lavorare. Ma ancora una resiste per volere di Samuele. Antica e simbolo della tradizione.




Storia e tradizioni

Lo sguardo ci viene guidato verso ogni anfratto e ognuno contiene un rudere o una storia, La vita intera del vignaiolo che ci guida, un vero vigneron ! Racconti di appezzamenti da lavorare ma impossibili da acquistare perché di proprietà fino a sessanta persone per mille metri. L’importanza del lavoro fatto dai vecchi che qui riuscirono a portare l’acqua. Un sistema che ancora oggi viene usato con irrigamenti di soccorso su un terreno che non trattiene neppure una goccia di rugiada. L’irrigazione che serve per coltivare anche melanzane e zucchine o pomodori che diversamente non crescerebbero mai su questi terreni.

Il frutto del lavoro

Sono volate quasi due ore e mezzo in un soffio di vento, nel racconto del lavoro e della sua vita. E’ l’ora di riprendere l’auto e andare in cantina a sentire i vini e non vediamo l’ora di farlo.
I vini sono tutti a temperatura ambiente, non serve il freddo per mascherare difetti che non ci sono. Basta giusto l’accortezza di un’apertura anticipata per permette alla volatile di andarsene naturalmente. Samuele ne è consapevole e non è preoccupato di raccontarlo. Questi sono i suoi vini e un po di volatile fa parte di loro. Basta solo lasciarli respirare e ricambieranno con profumi suadenti di tutto quello che abbiamo visto in vigna. Per tanti aspetti mi ricorda un vigneron francese conosciuto quest’estate, anche lui Triple “A”. Forse non è casuale.

Si parte dal tradizionale Cinque Terre, vendemmia 2015, 80% Bosco e 20% Albarola. Le pietre taglienti della vigna stanno nel bicchiere a dispetto della temperatura e i cristalli di sale si attaccano in bocca. Se esiste un concetto di terroir allora questo calice ne è la prova. Giallo paglierino molto intenso, dorato e sfavillante. Ginestre e timo, maggiorana, frutta gialla matura e tintura di iodio.



Si prosegue con un rosso sorprendete, “U Neigru”, Cannaiolo e Bonamico. Viola splendente, viole anche al naso, visciole. Fresco come solo un bianco può esserlo e sapido, con un tannino setoso e gustoso. Un vino decisamente espressivo con un sorso che non lascia scampo alla bottiglia.



Ecco il primo Sciacchetrà, quello tradizionale che usa il legno per l’affinamento. Appassimento fino alla metà di Novembre in parte su graticci e in parte appesi. Sgranatura manuale degli acini migliori, fermentazione spontanea e circa un mese di macerazione. Affinamento in piccole botti di ciliegio, castagno, pero e acacia per circa 1 anno per finire a decantare in inox fino alla giusta chiarifica. Un tripudio di aromi di Fichi e fichi d’india, di albicocche essiccate, di datteri, di miele, di cannella, noce moscata e maggiorana. Un sorso teso e fresco e allo stesso tempo dolce e profondo, mai in affanno grazie alla freschezza immensa. Un piccolo capolavoro di equilibrio ed eleganza.



Segue la versione in anfora, assolutamente uguale salvo per l’affinamento che viene eseguito in una grande anfora di terracotta. Sorprendentemente diverso, non tanto per gli aromi quanto per la loro delicatezza, per l’eleganza di un sorso gentile, morbido, pulito, cristallino. Se la finezza era quello che si cercava, l’anfora l’ha donata senza compromessi.



Finiamo in bellezza con un passito da uve rosse, “Rinascita”. Cannaiolo e Bonamico che subiscono la stessa sorte e metodo di appassimento e affinamento delle uve bianche dello Sciacchetrà. Uno Sciacchetrà rosso, in tutto e per tutto. Complesso e affascinante dove il frutto è rosso e sotto spirito, etereo, che si arricchisce di spezie dolci e di erbe aromatiche.



Grazie è niente !

La giornata è volata via così piacevole che è difficile trovarne altre. La differenza la fa Samuele, la sua passione, il suo carattere e il suo sorriso cordiale che si diffondono piacevolmente negli aromi dei suoi vini.
La prossima volta che venite da queste parti non fatevelo dire due volte, chiamatelo e fissate un appuntamento. Solo in questo modo riuscire a comprende la natura di un supereroico vignaiolo autentico.




domenica 11 dicembre 2016

Montalcino gli ultimi vent'anni nel bicchiere - Azienda Agricola Innocenti




6 dicembre, una magnifica giornata di sole, un gruppo di amici appassionati.

Destinazione Montalcino, Frazione Torrenieri, Località Citille di Sotto, all'estremo dei terreni del comune.

Colline dolci che guardano Montalcino, circa 400metri s.l.m. con vigne ben esposte a sud. Azienda familiare dei fratelli Massimo e Gianni Innocenti che ci aspettano cordiali come sempre, insieme all’enologo dell’azienda, per una fantastica verticale di 8 annate di Brunello di Montalcino più l’anteprima della 2012 che tra poco sarà messa in commercio. E come se non bastasse 2 annate di Brunello Riserva e 2 annate lontane tra loro di Vignalsole, il loro IGT che unisce al Sangiovese del Cabernet Sauvignon e del Merlot.
Cinque ettari di vigneto in tutto coltivati nel rispetto degli impianti storici per ottenere il massimo risultato qualitativo. Si è proprio la qualità del prodotto su cui questa famiglia si impegna quotidianamente.



Il Brunello che producono è quello più tradizionale, solo botti grandi da 30hl e affinamenti nel pieno rispetto del disciplinare di produzione. 25/30 mila bottiglie l’anno in tutto tra Rosso di Montalcino, Brunello, Riserva, Vignalsole e un IGT di pronta beva, “Lume”
La cantina è sotto all'abitazione e ci si accede passando dalla sala dove faremo la degustazione. 





L’ordine e la pulizia sono esemplari e Gianni ci spiega che le botti si sono pulite fuori ma soprattutto dentro e il vino durante il suo affinamento viene più volte travasato per permettere di pulire la botte e in questo modo effettuare anche delle chiarifiche naturali. In fondo alla cantina si trovano le Barrique del Vignalsole e due grandi Tonneau dove hanno inizato a fare delle prove di vinificazioni. L’intenzione inoltre è quella di iniziare a breve a vinificare in legno.



E’ la prima volta che Gianni e Massimo organizzano una verticale storica come questa e si vede che anche loro sono emozionati e compiaciuti della nostra presenza. E’ per noi un orgoglio immenso aver avuto la possibilità di confrontarsi con la storia di questa cantina e il percorso che ci aspetta è di assoluto valore

1998, 1999, 2001, 2004, 2006, 2007, 2010, 2011, 2012
Riserva 2007 e 2010
Vignalsole 2003 e 2013

Il tutto accompagnato da salumi e formaggi della zona e da una bistecca di cui ancora porto il ricordo della morbidezza e del sapore della carne.



Ma veniamo al dunque, dopo una breve indecisione optiamo per partire dal vino più giovane per tornare a ritroso indietro nel tempo lasciandoci l’anteprima 2012 per il finale e poi ripartire con le Riserve terminando con il Vignalsole. Non avremmo potuto chiedere le meglio.



Stappature e racconti si susseguono grazie alla gentilezza dell’enologo dell’azienda prodigo di informazioni sulle annate, sul clima, sulle variazioni avute negli anni, su come a partire dagli anni successivi al 2004 il clima abbia cambiato le maturazioni e il risultato.
Questo Brunello è un vino di carattere forte ma caratterizzato da una qualità dei tannini esemplare per finezza e setosità. Un Brunello di grandi estratti, rubino intenso, spesso tendente al granato con una capacità innata di riuscire a mantenere le proprie caratteristiche nel tempo, sia per colore che per luminosità, per struttura e forte carattere. Grande eleganza del sorso sempre presente e soprattutto una pulizia innata che si mantiene negli anni inalterata.


2011 annata 4 stelle, caldissima, maturazioni che raggiungo alte gradazioni alcoliche molto presto e che costringono tanti a vendemmie in anticipo. Ho ricordi dell’anteprima di questa annata dove si trovavano vini freschi e profumati ma carenti di struttura e spesso con tannini che non avevano raggiunto la maturazione fenolica. Questo vino sorprende in questo, rubino molto intenso, con venature granato, di grande carica. Il naso e la bocca se la giocano tutta sul frutto rosso croccante. Lievi accenni balsamici e speziati. Primo incontro di grande soddisfazione con la finezza dei tannini di questa azienda che accarezzano la bocca gustosi senza mai graffiare. Buono equilibrio leggermente spostato su note di grande freschezza e un po’ corto. Nessuno fa miracoli ma questo nei miei ricordi se la cava davvero bene per l’annata e porta con se un’ottima bevibilità.


2010 cresce l’intensità cromatica e anche la gradazione alcolica a vedere dagli archetti fitti che si distendono lunghi sul calice. L’acidità sostiene bene il colore, bello luminoso e vivo, al frutto rosso si aggiungono piccoli frutti neri, le more di rovo e cresce la parte balsamica e speziata con alloro e pepe. Vino di grande struttura con tannini importanti ma mai aggressivi, strati setosi in successione. Un vino che grazie alla annata a cinque stelle e all’ottimo lavoro fatto in vigna e in cantina ha tanta materia da giocarsi che gli garantirà un futuro estremamente longevo. Notevole.


2007 altra annata a cinque stelle, di quelle che non si sbaglia mai quando si stappa una bottiglia di Brunello. Il colore inizia a virare verso il granato senza alcuna ombra di invecchiamento. Luminoso e limpido. Si inizia a percepire una buona carica floreale secca di viole, di pot-pourri “rosso” e il frutto si sposta in maniera importante verso il nero. Prugne e more a far bella mostra di sé. Cresce l’eleganza che si giova dell’affinamento più lungo e ogni casellina del puzzle tridimensionale della bocca si colloca al suo posto. I tannini oramai sono una seta sottile e morbida, avvolgente, lunga la persistenza e ancora una grandissima acidità a sostegno dell’importante struttura. Sembra fatto ieri nonostante l’importanza del sorso. Secondo solo ad un immenso 1999.

2006 ancora un cinque stelle che a volte si manifesta in maniera controversa per gli assaggi che ho fatto nel tempo. Questa bottiglia sta sicuramente nella parte di valore dell’annata. Si conferma la forte intensità cromatica oramai quasi completamente granato e solo un piccolo accenno sull’unghia verso l’aranciato anche se dalla brillantezza non si direbbe certo che ha già dieci anni. La parte olfattiva e gustativa si è spostata decisamente verso i terziari, si attenuano le note fresche e si sostituiscono meravigliosamente col tabacco, col pepe, con una speziatura importante che arriva fino alla liquirizia. Consueta trama tannica importante ma di grande eleganza e un’infinita acidità a sostegno.


2004 ancora due anni indietro, ancora cinque stelle, L’intensità del colore è immutabile e sorprendente, il naso invece un po’ tradisce e tende a non voler emergere, timido e chiuso, austero. La bocca regala qualche emozione in più e la finezza non manca anche se la struttura è più esile rispetto alle annate precedenti. Vino comunque perfettamente integro in tutte le sue componenti.

2001 quattro stelle di un’annata di qualità con qualche problema, vini che alla loro uscita soffrivano del loro essere monolitici e con tanni duri e spigolosi, spesso verdi. Il tempo ha fatto bene anche se in effetti rispetto ad altre annate più giovani e alle due che sentiremo dopo, un certo calo si percepisce. Eccellente comunque la tenuta, grande luce che sprigiona da un colore sempre più intenso e granato. Le note evolutive crescono e spicca soprattutto un profondo assenzio. Struttura sempre importante a dimostrazione dell’ottima forma in cui si trova. Per essere figlio di un “dio minore” riesce a distinguersi comunque bene.


1999 fa un po’ impressione tornare indietro, prima del 2000, prima del millennium bug che ha fatto impazzire il mondo senza per fortuna creare alcun danno. Ancora 4 stelle ma la stoffa qui è altra e la soddisfazione cresce in maniera esponenziale. Se colore e luminosità sono una costante come sempre ad altissimi livelli, il naso torna ad essere esplosivo e complesso, ricco di mille sfumature terziarie sempre pulite e nette. Struttura e parte tannica ancora lanciate in uno splendido sorriso, Bocca elegante e lunghissima. Se non ci fosse la data sull’etichetta sono certo che lo avremmo battezzato tutti molto più giovane delle due annate precedenti. La miglior bevuta di tutta la batteria.


1998, la prima bottiglia fa le bizze, ma può capitare, non è certo un problema, il naso è abbastanza sporco e spostato su profumi della terra, del metallo rovente, del vegetale cotto e profondamente ematico. La seconda bottiglia è quasi perfetta, rimane solo una leggera sensazione terrosa, umida, ma bel integrata nel bouquet del vino. Annata che era ancora un quattro stelle ma che come la precedente, se si esclude la leggera difficoltà evolutiva, ha un grandissimo carattere.


2012 cinque stelle lusso, da quello che ho avuto il piacere di sentire per ora come anteprime probabilmente migliore della 2010, e già dirla così sembra un’eresia. Il colore torna al rubino ricco e di grande carica. Il frutto è profumato e ben integrato con un parte floreale fresca. I profumi balsamici delle terre di toscana escono freschi dal calice e il sorso fresco e sapido sorprende per il buon equilibrio di cui già dispone. I tannini…oramai avreste dovuto capirlo…Innocenti li doma alla perfezione, non alterandole la grande struttura ma rendendoli lisci e ben levigati. Quando posso venire a cantina a prendere qualche bottiglia ???

Passiamo alle due riserva, giusto per non farsi mancare niente.



2010 vi posso solo dire che alla fine ho comprato una magnum tanto questo vino dona gioia a chi lo beve. La complessità regala profumi nuovi a ogni sorso e la bocca si arricchisce di una grande armonia. Un vino all’ennesima potenza

2007 a differenza di quello in batteria si colloca leggermente sotto alla 2010 pur rimanendo un’ottima bevuta. Ma potrebbe semplicemente essere una bottiglia in una fase di rilassamento e non mi meraviglierei se magari tra un anno le valutazioni si fossero invertite.


Note generali :

i vini dei fratelli Innocenti li conoscevo come tipologia, vini di grandi strutture, importanti. Quello che non conoscevo è la longevità, la capacità di mantenere inalterato nel tempo il colore, la struttura e la freschezza. Bere un 1999 come un ragazzino lascia piacevolmente sorpresi a ennesima prova se ancora ce ne fosse bisogno che il Brunello, lavorato con maestria, è un vino immenso che nel tempo migliora senza alcun timore per gli anni che passano.
L’ospitalità di questa cantina è smisurata, sembrava di essere in famiglia e non da un produttore. E non serve aggiungere altro.
Non sarà facile potersi confrontare ancora a breve con una batteria di vini di questo spessore e non posso che essere felice di essere stato presente.

Arrivederci alla 2012.





venerdì 25 novembre 2016

XXV Merano WineFestival . seconda parte:finalmente sabato !

Sabato mattina e piove a dirotto, parcheggi esterni strapieni, ma riusciamo cumunque a trovare un posto. La coda esterna è lunga ma per fortuna scorre abbastanza bene e riusciamo ad entrare in pochi minuti. L’interno dell’ingresso e strapieno a dimostrazione che la manifestazione riscuote veramente un grande interesse.


Il Merano WineFestival in 25 anni è diventato uno degli eventi immancabili del panorama italiano e internazionale, grazie alla capacità di innovare il programma e mantenere la tradizione di selezionare esclusivamente prodotti di qualità superiore.

La formula delle selezioni di grandi vini garantisce un ottimo livello di prodotti e i visitatori si precipitano come di consueto lungo il classico percorso degustativo dagli spumanti avanti fino ai rossi più strutturati che affronteremo nel pomeriggio. Almeno due, dei 4 prodotti in degustazione presso ciascun tavolo, hanno raggiunto una valutazione pari e/o superiore agli 86/100 punti.

Tra le novità di questa edizione spicca la GourmetArena for professionale only, l’iniziativa rivolta a professionisti e stampa del settore food. La tradizionale rassegna bio&dynamica si sposta qui al Kurhaus e la sezione Wine International iniziata venerdì, anziché sabato, che aveva un focus sui vini Libanesi e Georgiani.

Tornano le Charity WineMasterclasses, le degustazioni guidate benefiche a cui purtroppo non potrò partecipare.

L’ingresso nella sala principale ha sempre il suo fascino e non potrebbe essere migliore di quello che ci aspetta. Tutte le grandi eccellenze italiane in materia di bollicine sono li pronte ad accoglierci in un brulichio gioviale di appassionati entusiati.


Inutile entrare nei dettagli di tutti i grandi vini degustati con piacere sempre grazie a un’ottima e presente interazione con gli stessi produttori, disponibili a un racconto o alla descrizione delle loro eccellenze.



Quale miglior inizio poteva attenderci se non la Cuvee Marianna e la Riserva Extra Brut di Arunda. Un bacio schioccante giusto sulla porta d’ingresso. Ci voltiamo e Cà del Bosco sta proprio li davanti insieme ad un meraviglioso Dosage Zero della Vintage Collection 2001. Mezzo giro ancora e piombiamo in Franciacorta, Monterossa e due spumanti di livello top, Prima Cuvee brut e una jeroboam di Carbochon. Già a questo punto si camminava a 10 cm da terra, leggeri e felici.

Avanti ancora con gli spumanti, come fare a fermarsi…Bersi Serlini Cuvee N°4, un Brut Zero riserva 2005 da Monforte d’Alba del Podere Rocche dei Manzoni, il fantastico Monsupello Nature, ancora Franciacorta e Lugana spumantizzati fino ad arrivare in paradiso con Maso Martis e la sua fantastica offerta dove spiccano il Dosaggio Zero Riserva e un sublime Madame Martis.




Tra i bianchi dell’ Alto Adige potrei abbandonarmi e non vorrei far toro a nessuno ma ho un ottimo ricordo di Kerner e Sylvaner della cantina Valle Isarco, dell’intramontabile Feldmarschal di Tiefenbrunner, degli elegantissimi bianchi della cantina Tramin, il carattere di Sauvignon Blanc e Chardonnay di Manincor. Nals Margreid, Baron di Pauli, la qualità indiscussa della gamma dei vini di Kellerei Bozen.

Non ci siamo accorti e sono già quasi le due del pomeriggio, un salto veloce a godere delle delizie culinarie del padiglione a fianco per poi tornare di corsa tra le tante sale dove ci aspettano ancora un’infinità di eccellenti vini. Ci vorrebbe una settimana e forse non basterebbe.

Potrei scrivere una guida con tutto quello che ho avuto piacere di sentire ma meglio di no,  ci sono già tanti che lo fanno. Solo una citazione per i tre ottimi Barolo di Vajra, così come per il Laziale Casale del Giglio e i suoi vini potenti ed eleganti.

Una sorpresa piacevole con un simpaticissimo americano, Trifecta, e il suo pinot nero della Russian River Valley e il classicissimo Cabernet Sauvignon della Napa.


Quattro vini Libanesi in un colpo solo…un bianco e tre rossi importanti ancora molto giovani e bisognosi di riposo e un salto in Georgia con una lunga fila di vini in anfora sicuramente degni di attenzione ma molto difficili da inserire per gusto e tipologia a metà pomeriggio.

E allora dove terminare la serata se non tra altri ottimi Barolo. Ceretto e il suo Bricco Rocche era li lussurioso ad aspettarci, seguito da vicino dai vini austeri e forti di Elio Grasso con la sua 2012 Gavarini Chiniera e una strepitosa riserva 2010 Runcot di grande spessore e profondità olfattiva.



Mi fermo qui anche se vorrei poter ripartire adesso ma sono certo che la prossima edizione non sarà meno e potremmo godere ancora di queste fantastiche eccellenze.

Salute Merano, ci vediamo il prossimo anno.

Visualizzazioni totali

Informazioni personali

La mia foto
Wine Lover and Champagne addicted. Da tutta la vita si destreggia e sopravvive tra hardware e software di tutte le specie, che sono poi la sua vita imprenditoriale. Ha trovato rifugio nel mondo del vino in tutte le sue declinazioni ludiche e si distrae in vari ambienti “social”.