Passa ai contenuti principali

Gita in Friuli : Meroi



“Nella vita quando puoi scegliere sei sempre ricco” <cit. Damiano>

Siamo arrivati nel comune di Buttrio, in Provincia di Udine. A ridosso de Fiume Torre e vicinissimo al fiume Natisone sui colli orientale del Friuli. Fiumi che rispettivamente si trovano ad Est e a Ovest del piccolo comune collinare e generano un microclima ideale per la coltivazione delle uve.

La cantina inizia la propria attività nel 1920, Paolo Meroi prosegue con successo l’attività iniziata dal bisnonno già a fine ‘800, con circa 12 ettari di vigne sulle colline di Buttrio e Rosazzo. La svolta a partire dagli anni ’60. Oggi quegli ettari sono circa 20, destinati a diventare 30 nei prossimi anni. Basse rese che riescono a produrre circa sessantamila bottiglie. Le vigne non sono concimate e i trattamenti come di consueto si limitano a zolfo e rame. Cura maniacale per le maturazioni soprattutto per i vini bianchi che se nel caso perdono qualcosa nella freschezza e ricchezza olfattiva, per contro si arricchiscono di corpo e ampiezza. Vini che in generale colpiranno per ricchezza e complessità.

Non mancano comunque per tradizione Merlot e Cabernet Franc oltre all’autoctono Refosco. Ponca, Guyot singolo e doppio sono simbolo immancabile della tradizione.
L’istrionico Damiano ci accompagna in visita prodigo di spiegazioni e dettaglio, Simpatico ed esplosivo. 

Le macerazioni non fanno parte del DNA e delle tradizioni di questa azienda. Tutto fermenta e affina in legno di cui un 30% è destinato ai vini più importanti. Tutte micro vinificazioni separate per singole vigne e qualità dell’uva.

Tre linee di produzione, dove ancora si fa selezione. Nèstri bianco e rosso di partenza, tutti i mono varietali e per finire cru di singoli vigneti.

Tre le tipologie di terreno che si trovano in vigna e che vengono valorizzate nelle singole vene, argille rosse per la Malvasia, gesso per Chardonnay e Sauvignon e Ponca ovunque, il tessuto connettivo di queste colline.

Scelte importanti, legate alla qualità, dove l’annata 2014, disastrosa per le piogge incessanti non è stata imbottigliata per le linee di prestigio.
Solforosa minima e solo prima dell’imbottigliamento
Tappi selezionati tramite apparecchiature all’avanguardia, dalle migliori aziende e testati in anticipo prima degli imbottigliamenti.

E l’ultima massima in cantina è il manifesto del personaggio e dell’azienda:
“uno deve essere stupido per non fare vino buono in Friuli” <cit.Damiano>

La degustazione proseguirà al ristorante dell’azienda accompagnando gli ottimi piatti della cucina.

Pinot Grigio Meroi 2016
Pochissime bottiglie, intenso e tipico con i suoi fiori di campo, la pera e la mela e un accenno di erba tagliata. Grande cura per l’equilibrio

Friulano Meroi 2016
Fermentazioni naturali in legno senza lieviti aggiunti e senza malolattica. Classicissimo, fiori gialli, pere mature, una leggerissima nota balsamica e finale amarognolo. Oramai gli aromi e la grassezza del Tocai (pardon Friulano) abbiamo imparato a riconoscerli.

Sauvignon Meroi 2016
Sambuco, foglia di pomodoro, ortica e salvia…. volete altro ? fresco e minerale ed elegante. Assolutamente varietale e tipico.

Ribolla Gialla Meroi 2016
Semplice nei suoi aromi tipici un po’ floreali e un po’ citrini ma elegante, gustosa e vivace, piacevole nella sua facilità di beva.

Nestri Meroi (rosso) 2015
Merlot in prevalenza e una piccola parte di cabernet franc, floreale dolce e frutta sotto spirito, spezie dolci e vegetale balsamico. Una polpa fresca e ben amalgamata dei classici sentori dell’uva. Freschezza e mineralità del suolo donano armonia al sorso.

Refosco Vigna Dominin 2010
Finalmente un Refosco e che vino! Scuro nel bicchiere, cupo. Frutta nera matura e uno spettro ampissimo di spezie quando si apre a centro bocca. Complesso. La bocca è grassa, una struttura importante ma sorprendentemente facile da bere e da godere. Davvero un’eccellente realizzazione

Commenti

Post popolari in questo blog

JURA, LA MONTAGNA INCANTATA

Consueta sera di approfondimento organizzata da Fisar Firenze e curata dai due bravi relatori Anna Paola Coppi e Leonardo Finetti.
Come spesso capita una vacanza diventa poi oggetto di studio legato alla passione e alla pura curiosità che ogni sommelier che si rispetti porta innata con se e poi sfocia in un interessante approfondimento durante queste serate.
Questa poi è una di quelle regioni vitivinicole piccole, al fianco della Borgogna, sopra alla Savoia e sotto all’ Alsazia che si studiano quasi esclusivamente in relazioni ai suoi vini speciali, il Vin Jaune, una specie di sherry non fortificato, il Vin de Paille, un passito con note estreme ossidative e il MacVin, il classico Vino Dolce Naturale, assimilabile alle tante mistelle (mosti fortificati) che vanno così di moda in Francia.
Questo territorio ha rischiato di scomparire a seguito della fillossera dei primi del novecento ma si è ripreso come sempre succede grazie ad una grande azienda, Henri Maire, (parlo di volumi prodotti) c…

Gita in Friuli : Az. Agricola Silvano Ferlat

Moreno ci aspetta in vigna, simpatico e gentile come sempre. Ci siamo incrociati già alcune volte in varie manifestazioni e conosco i suoi vini, ma visitarlo in azienda sarà una cosa diversa, ne sono sicuro. È una piccola azienda a conduzione familiare, fondata nel 1950, biologici non certificati dal 2000 e con certificazioni dal 2017. Obblighi di cui farebbero volentieri a meno visto che non aggiungono niente al loro lavoro se non costi e scartoffie. Siamo nella D.O.C. Friuli Isonzo ma molti loro vini sono per scelta IGT. Gli ettari di vigneto coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica sono 6,5, tutti lavorati con rame, zolfo e Bacillus, fertilizzanti naturali di origine animale. Nessun Sovescio visto la ricchezza organica dei terreni di argilla rossa, ciottoli e sabbie, ma anzi cura dell’inerbimento naturale che aiuti a contrastare un po’ la naturale vigoria della vigna. 
L’obbiettivo è ottenere vini personali e riconoscibili
“La qualità dell’uva passa attraverso il massimo ris…

Gita in Friuli : Villa Job

ALESSANDRO “Ho 34 anni e ho deciso di produrre vino per amore” …. Così si legge sul loro sito web e niente lo rappresenta meglio.
“Il giorno che decisi di intraprendere questo percorso iniziai a viaggiare tra Loira e Piemonte, Borgogna e Toscana alla ricerca di uno stile personale, del vino che doveva piacere a me” Così si presenta il proprietario dietro ai suoi occhiali che gli donano un’aria intellettuale e i baffetti arricciati che fanno tanta simpatia.
Il tempo non ci permette di partire come avrebbe voluto dalla vigna, ma il racconto della sua scelta di vita non lo fa rimpiangere e tutti rimaniamo attenti ad ascoltare le parole di un ragazzo giovane determinato che ha dato una svolta alla sua vita seguendo le orme del nonno con metodo e sperimentazione.
Avevo sentito due dei suoi vini al FIVI lo scorso novembre e mi ero innamorato di quel Pinot Grigio, tanto tipico in Friuli quanto perlopiù bistrattato e relegato a ruolo di vino sempliciotto, da grandi numeri. Un Pinot grigio di…