Passa ai contenuti principali

A cena (si fa per dire) con le anfore

Bella iniziativa della Divina Enoteca di Firenze che ha dato l'opportunità di degustare 5 vini di aziende biodinamiche (Casadei e Cacciagalli) vinificati e affinati in anfore di terracotta dell'Impruneta. Uno spumante metodo classico con liqueur d'expedition fatto da sangiovese vinificato in anfora, un sangiovese e un syrah toscani e un Fiano e un Piedirosso Campani. il tutto accompagnato da panini sfiziosi preparati dalla padrona di casa.


Si parte con Casadei, Castello del Trebbio, metodo classico millesimato, 18 mesi sui lieviti, carbonico, pungente, perlage fine e molto persistente, chardonnay e trebbiano della Rufina  con la massima espressione di freschezza che questo territorio permette, liqueur d'expedition realizzato con sangiovese in anfora della stessa annata, colore paglierino intenso con riflessi rosati che conferiscono al vino l'idea dell'oro vecchio, non troppo brillante a causa probabilmente del sangiovese che porta con se microresidui dell'anfora, fiori, frutta, agrumi (nel finale), lieviti e crosta di pane. Molto, molto buono !


Si passa alla Campania con i Cacciagalli, una giovanissima realtà dell’Alto Casertano, alle falde dello splendido vulcano spento di Roccamonfina, in quella che gli antichi Romani chiamavano Campania Felix e che ancora oggi è capace di dare origine a prodotti di eccellenza, e che eccellenza ! Sia parte con un bianco, Fiano, nasce e si affina in modo assolutamente biodinamico, senza chimica, senza travasi, senza filtraggi e si vede. Terracotta dell'impruneta da 8hl, tre mesi di macerazione, 6 mesi di affinamento, terre vulcaniche ricche di nutrimento e mineralità, polpa gialla ricchissima, fiori gialli profumatissimi, un corpo immenso, morbido, sapido, lunghissimo e non filtrato. Un alcol che non si sente assorbito da tanto corpo che si riesce a masticare. Complimenti !





Ancora in Campania con un rosso difficile, il Piedirosso. Difficile da vinificare a causa delle forti riduzioni a cui va incontro, difficile da valorizzare perche molto delicato e soggetto a essere penalizzato da travasi e filtraggi. Tutto questo non accade grazie a questo modo di produrre. Il vino rimane integro sei suoi profumi delicati ma vivi, 1 mese di macerazione, almeno sei mesi di affinamento, Profumato di fiori e frutta rossa, grande corpo, ribes che svetta su tutto, sapido, un leggero sentore di pellame tipico, buona freschezza, non troppo persistente. Non filtrato.




E si torna in Toscana, sempre nella tenuta del castello del Trebbio che produce normalmente Chianti Rufina e ha avviato un bellissimo progetto biodinamico che parte dalla vigna con l'impiego dei cavalli al posto del trattore o delle oche per diserbare sotto la vigna. Un esercito di oche che lavora al posto delle macchine dove l'impìego del cavallo non lo permetterebbe. Il primo vino è un Sangiovese, simbolo della zona e della Toscana. Putroppo la foto ha avuto dei problemi e non è il massimo ma il vino è veramente eccellente. Rubino chiaro come si merita un sangiovese, grande freschezza dal territorio, un frutto tipico e vivo, ciliege e lamponi, viole, liquirizia, spezie, balsamico. Tannini dolci con una trama fitta e piacevole, medio corpo, buona persistenza. Se questo sono le anfore, avanti tutta !





Per ultimo una perla. Sempre in Toscana ma spostati sulla costa della Maremma, per la precisione a Suvereto, per produrre un Syrah da far invidia agli Chateneuf di Pape. Grandi spezie, pepe nero profumatissimo, more, mirtilli, ma non marmellatosi, freschi e piacevoli, elegantissimo, ottima finezza, con un buon corpo e una bella struttura, lungo e piacevole al palato, caldo nei suoi 14 gradi. Ottima espressione della maremma. e grandissimo lavoro in vigna e in cantina con le anfore. Complimenti a che sta credendo fermamente in questo modo di produrre i vini e se questi sono i risultati credo che in molti debbano perlomeno capire cosa e come si ottiene.


Commenti

Post popolari in questo blog

Gita in Friuli : Az. Agricola Silvano Ferlat

Moreno ci aspetta in vigna, simpatico e gentile come sempre. Ci siamo incrociati già alcune volte in varie manifestazioni e conosco i suoi vini, ma visitarlo in azienda sarà una cosa diversa, ne sono sicuro. È una piccola azienda a conduzione familiare, fondata nel 1950, biologici non certificati dal 2000 e con certificazioni dal 2017. Obblighi di cui farebbero volentieri a meno visto che non aggiungono niente al loro lavoro se non costi e scartoffie. Siamo nella D.O.C. Friuli Isonzo ma molti loro vini sono per scelta IGT. Gli ettari di vigneto coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica sono 6,5, tutti lavorati con rame, zolfo e Bacillus, fertilizzanti naturali di origine animale. Nessun Sovescio visto la ricchezza organica dei terreni di argilla rossa, ciottoli e sabbie, ma anzi cura dell’inerbimento naturale che aiuti a contrastare un po’ la naturale vigoria della vigna. 
L’obbiettivo è ottenere vini personali e riconoscibili
“La qualità dell’uva passa attraverso il massimo ris…

JURA, LA MONTAGNA INCANTATA

Consueta sera di approfondimento organizzata da Fisar Firenze e curata dai due bravi relatori Anna Paola Coppi e Leonardo Finetti.
Come spesso capita una vacanza diventa poi oggetto di studio legato alla passione e alla pura curiosità che ogni sommelier che si rispetti porta innata con se e poi sfocia in un interessante approfondimento durante queste serate.
Questa poi è una di quelle regioni vitivinicole piccole, al fianco della Borgogna, sopra alla Savoia e sotto all’ Alsazia che si studiano quasi esclusivamente in relazioni ai suoi vini speciali, il Vin Jaune, una specie di sherry non fortificato, il Vin de Paille, un passito con note estreme ossidative e il MacVin, il classico Vino Dolce Naturale, assimilabile alle tante mistelle (mosti fortificati) che vanno così di moda in Francia.
Questo territorio ha rischiato di scomparire a seguito della fillossera dei primi del novecento ma si è ripreso come sempre succede grazie ad una grande azienda, Henri Maire, (parlo di volumi prodotti) c…

Gita in Friuli : Villa Job

ALESSANDRO “Ho 34 anni e ho deciso di produrre vino per amore” …. Così si legge sul loro sito web e niente lo rappresenta meglio.
“Il giorno che decisi di intraprendere questo percorso iniziai a viaggiare tra Loira e Piemonte, Borgogna e Toscana alla ricerca di uno stile personale, del vino che doveva piacere a me” Così si presenta il proprietario dietro ai suoi occhiali che gli donano un’aria intellettuale e i baffetti arricciati che fanno tanta simpatia.
Il tempo non ci permette di partire come avrebbe voluto dalla vigna, ma il racconto della sua scelta di vita non lo fa rimpiangere e tutti rimaniamo attenti ad ascoltare le parole di un ragazzo giovane determinato che ha dato una svolta alla sua vita seguendo le orme del nonno con metodo e sperimentazione.
Avevo sentito due dei suoi vini al FIVI lo scorso novembre e mi ero innamorato di quel Pinot Grigio, tanto tipico in Friuli quanto perlopiù bistrattato e relegato a ruolo di vino sempliciotto, da grandi numeri. Un Pinot grigio di…