Passa ai contenuti principali

Vie di Romans - La passione per il vino e per il territorio

50 ettari di superficie vitata nella DOC Isonzo, immediatamente a ridosso del confine col Carso. Una terra con uno scheletro presente e molto ben visibile appena uno si avvicina alle vigne, un terreno di argille ricche di ferro che donano colore e tipicità ai frutti che vengono coltivati.
Tanta passione, e si vede, dell'azienda ancor prima di avere assaggiato i vini. La cura per la vigna, la cura dell'ambiente, la cura della cantina e la grande ospitalità dimostrata sono il miglior biglietto da visita di questa splendida realtà.

Per parlare di quello che ho visto e avuto il piacere di degustare servirebbe un libro, non un blog, ma cercherò di riassumere al meglio le sensazioni ricevute da questi meravigliosi vini con dei semplici appunti.

Vie di Romans, Chardonnay 2012
Grande finezza e enorme eleganza, corpo, struttura, freschezza viva, frutta profumata. Lunga persistenza. Un solo difetto, la barrique nuova è veramente "prepotente" e soffoca sopratutto il naso che prude dal legno. Un vino da lunghissimo affinamento che va bevuto tra qualche anno quando si sarà evoluto al meglio.







 
Ciampagnis Vieris Chardonnay 2012
Che bel vino ! Limpido e cristallino come pochi, profumatissimo con la frutta che esce dal bicchiere accompagnata da una nota burrosa che solo i migliori champagne sanno donare. Un corpo invidiabile, quasi 15% di alcol. L' esposizione nord-sud e l'ampio scheletro carsico su cui si sviluppa fanno un lavoro magistrale. Uno dei migliori chardonnay italiani bevuti !







Dessimis Pinot Grigio 2012
Il vino che non ti aspetti, esce dalla bottiglia di un color rosa cipria brillante, vivo, e non vedi l'ora di sentirlo per capire. Tanto corpo grandi note minerali, sapido e fresco. 12 ore sulle bucce gli donano colore insieme alle argille ferrose su cui cresce, 9 mesi sui lieviti lo evolvono verso note complesse che insieme al suo carattere acido lo rendono bevibile a tutto pasto.







Vieris Sauvignon Blanc 2012
Sauvignon blanc a prevalenza clone francese che fa barrique di primo passaggio e batonnage. Una chicca ! I profumi del sauvignon con la vaniglia intensa della barrique. Un carosello di profumi e sapori unico che si fondono con una finezza e un'eleganza magistrali e una capacita evolutiva notevolissima. Bocca lunghissima di una pulizia estrema. 
Chapeau ! 





Flors di Vis 2012
Un tutto pasto di livello molto alto. Grande lavoro in cantina sui vini base e blend prima dell'imbottigliamento magistrale. Grandissimo carattere, acciaio e sui lieviti per 7 mesi. Il riesling che si apre pian piano nel bicchiere, la forte mineralità della malvasia istriana e tutto il Friuli nel Tocai. Non sbagliano un colpo in questa cantina.




Piere Sauvignon 2012
Ancora un vino meraviglioso, suadentem eleganza e finezza a non finire.I fiori di bosso, il pompelmo, la foglia di pomodoro, netta ma delicata morbida. Ti avvolge la bocca e l'accarezza lasciando una lunga persistenza. 15 gradi, e tanto corpo fruttato lo porteranno avanti negli anni ma se ve lo volete godere subito non abbiate dubbi, la bottiglia finirà prestissimo.



Dis Cumieris 2011
 E questo è l'ultimo, preso a scatola chiusa. 
100% malvasia istriana, macerazione importante e si vede sull'unghia dorata. Naso che non ti aspetti dove si alternano frutta estiva matura a note inconsuete di cane bagnato, pollaio, merde de poule come direbbero i francesi. La freschezza e la mineralità non tradiscono il territorio. Un vino da francesi o da istriani !?

Se siete in zona Mariano del Friuli chiamateli e andate a trovarli, vi ricordere di questa cantina per sempre ! 



Commenti

Post popolari in questo blog

Gita in Friuli : Az. Agricola Silvano Ferlat

Moreno ci aspetta in vigna, simpatico e gentile come sempre. Ci siamo incrociati già alcune volte in varie manifestazioni e conosco i suoi vini, ma visitarlo in azienda sarà una cosa diversa, ne sono sicuro. È una piccola azienda a conduzione familiare, fondata nel 1950, biologici non certificati dal 2000 e con certificazioni dal 2017. Obblighi di cui farebbero volentieri a meno visto che non aggiungono niente al loro lavoro se non costi e scartoffie. Siamo nella D.O.C. Friuli Isonzo ma molti loro vini sono per scelta IGT. Gli ettari di vigneto coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica sono 6,5, tutti lavorati con rame, zolfo e Bacillus, fertilizzanti naturali di origine animale. Nessun Sovescio visto la ricchezza organica dei terreni di argilla rossa, ciottoli e sabbie, ma anzi cura dell’inerbimento naturale che aiuti a contrastare un po’ la naturale vigoria della vigna.  L’obbiettivo è ottenere vini personali e riconoscibili “La qualità dell’uva passa attraverso i

Gita in Friuli : Mario Schiopetto

1965 - Mario imbottiglia il primo “Tocai“ e da inizio alla storia del vino bianco friulano moderno. Un pioniere che come spesso accade è un visionario che prende spunto dall’osteria del padre e dai lunghi viaggi fatti come camionista per vedere, imparare e sviluppare. Grandi intuizioni, carattere, tenacia e voglia di apprendere lo legheranno negli anni ai grandi dell’enologia moderna, da Veronelli a Gaja, a Incisa della Rocchetta, Ceretto, Antinori, Biondi Santi. La storia del vino di qualità in Italia passa per queste vigne. Proprio i viaggi segneranno il suo stile, l’eleganza Francese e la tecnologia Tedesca insieme all’uva Friulana segneranno in modo indelebile i vini di questa azienda. Ci accompagna nella visita l’enologo dell’azienda, gli Scopietto (figli) hanno venduto la proprietà ad un importante gruppo ma lui parla e ci racconta come se fossero ancora loro a guidarla. Come se fosse ancora Mario. Tanta passione e consapevolezza. Una trentina di ettari

Montalcino gli ultimi vent'anni nel bicchiere - Azienda Agricola Innocenti

6 dicembre, una magnifica giornata di sole, un gruppo di amici appassionati. Destinazione Montalcino, Frazione Torrenieri, Località Citille di Sotto, all'estremo dei terreni del comune. Colline dolci che guardano Montalcino, circa 400metri s.l.m. con vigne ben esposte a sud. Azienda familiare dei fratelli Massimo e Gianni Innocenti che ci aspettano cordiali come sempre, insieme all’enologo dell’azienda, per una fantastica verticale di 8 annate di Brunello di Montalcino più l’anteprima della 2012 che tra poco sarà messa in commercio. E come se non bastasse 2 annate di Brunello Riserva e 2 annate lontane tra loro di Vignalsole, il loro IGT che unisce al Sangiovese del Cabernet Sauvignon e del Merlot. Cinque ettari di vigneto in tutto coltivati nel rispetto degli impianti storici per ottenere il massimo risultato qualitativo. Si è proprio la qualità del prodotto su cui questa famiglia si impegna quotidianamente. Il Brunello che producono è quello p