Passa ai contenuti principali

La Ménagere, a cena con i vini di Brunnenhof

Occasione imperdibile organizzata in collaborazione tra Fisar Firenze e Slow Wine nella bella cornice del ristorante La Ménagere di Firenze con i vini di Kurt Rottensteiner.


Una lunghissima tavolata di commensali pronti ad degustare i vini della piccola azienda vinicola della zona di Egna, nel comune di Mazzon, zona altamente vocata per il Pinot Nero ma non solo.

Il produttore è seduto tra noi, davanti a me, e ci allieterà tutta la sera con le spiegazioni dei suoi vini e della sua azienda, cordiale e disponibile a mille domande e a girarare lungo la tavolata per il piacere di tutti.

La cucina della Ménagere è gourmet, elaborata, ricca di contrasti nel piatto, dove ogni bocone ha il suo sapore e ogni volta è diverso da quello precedente e da quello che seguirà. L'uso di riduzioni importanti a base di vini fortificati come il Porto o la Marsala donano una grande complessità alle pietanze semplici  e gustose.

I vini dimostrano tutta la maestria di chi lavora in Alto Adige, dove la professionalità dei vignaioli come Kurt si unisce ai doni della natura come avviene a Mazzon.

Andiamo in sequenza e partiamo con "Eva" incrocio Manzoni IGT 2013, col nome ispirato dal nome della figlia e dalla madre dell'umanità (come lo descrive Kurt). Quest'uva regala un vino bianco secco e fresco, che si apre piacevolmente al naso con una buona intensità di frutta bianca croccante, di mele e  pesche, quelle bianche schiacciate, le Saturnine. Grande mineralità che sostiene la beva di una freschezza che non da tregua e chiede il sorso successivo. Un vino piacevolissimo adatto per antipasti o primi non troppo impegnativi.

Si passa ai Traminer aromatici, 2 annate la 2012 e la 2010. La domanda inizia a sorgere spontanea.....ma a Mazzon non fanno tutti il Pinot Nero ? Kurt produce anche un ottimo Gewurztraminer, uno di quelli che assomiglia per eleganza agli Alsaziani, che mitiga i suoi 15% con una freschezza viva e tagliente. Il naso è elegantissimo, ricco di profumi ma mai esuberante, la rosa tipica è una rosa canina, la frutta tropicale non diventa mai marmellata e le erbe aromatiche del campo si amalgano alla perfezione insieme a una leggerissima nota di vaniglia dolce, dono della vinificazione.La 2012 ha una grande struttura per un bianco e la 2010 ci fa capire esattamente cosa vuole dire. L'evoluzione in annate abbastanza simili, a detta di Kurt, porta questo vino a livelli di complessità e di armonia invidiabile. Chissà come sarà ancora fra qualche anno !


Arriva il Pinot Nero e Kurt produce con metodi che rispettano completamente la natura, solo in versione Riserva. Il principe di Mazzon, acclamato. L'annata è ancora la 2012, fruttato intenso ed elegante, armonico, i piccoli frutti di bosco rossi e neri, la mora e il mirtillo, il lampone e il ribes, morbido e fine, fresco e di grande mineralità con un finale lungo e piacevole.

E finiamo con il Lagrein 2013, vitigno molto importante nel panorama Atesino, dove sempre più piccole aziende riescono a lavorarlo con maestria creando degli ottimi vini. Le vigne sono alla base della collina di Mazzon, sul greto del fiume con terreni ricchi di argille e ciottoli, di tutto il materiale che il fiume porta con se. Il Lagrein è un uva che se non vinificata con arte può generare vini coposi e scorbutici, con alta acidità e tannini spigolosi. esattamente quello che non è il Lagrein di Brunnehof.
Un vino impenetrabile da quanto è scuro, apparentemente austero, tannico si, ma con una trama talmente fitta da essere godibilissima. Un corpo immenso di frutta rossa matura, sottospirito, con note vegetali basamiche che arrivano fino al tabacco dolce. Anche qui la freschezza e la sapidità del vino portano equilibrio e finezza ad una materia imponete.


La cena è filata via velocemente e piacevolmente. Di vino c'è rimasto ben poco nei calici nonostante sia stato servito a volonta dai bravi sommelier di servizio, futuri sommelier visto che si trattava dei ragazzi che stanno svolgendo il loro terzo livello in attesa dell'esame e del tastevin.

Che dire, se questo è il risultato ben vengano queste serate !

Commenti

Post popolari in questo blog

Gita in Friuli : Az. Agricola Silvano Ferlat

Moreno ci aspetta in vigna, simpatico e gentile come sempre. Ci siamo incrociati già alcune volte in varie manifestazioni e conosco i suoi vini, ma visitarlo in azienda sarà una cosa diversa, ne sono sicuro. È una piccola azienda a conduzione familiare, fondata nel 1950, biologici non certificati dal 2000 e con certificazioni dal 2017. Obblighi di cui farebbero volentieri a meno visto che non aggiungono niente al loro lavoro se non costi e scartoffie. Siamo nella D.O.C. Friuli Isonzo ma molti loro vini sono per scelta IGT. Gli ettari di vigneto coltivati con i metodi dell’agricoltura biologica sono 6,5, tutti lavorati con rame, zolfo e Bacillus, fertilizzanti naturali di origine animale. Nessun Sovescio visto la ricchezza organica dei terreni di argilla rossa, ciottoli e sabbie, ma anzi cura dell’inerbimento naturale che aiuti a contrastare un po’ la naturale vigoria della vigna.  L’obbiettivo è ottenere vini personali e riconoscibili “La qualità dell’uva passa attraverso i

Gita in Friuli : Mario Schiopetto

1965 - Mario imbottiglia il primo “Tocai“ e da inizio alla storia del vino bianco friulano moderno. Un pioniere che come spesso accade è un visionario che prende spunto dall’osteria del padre e dai lunghi viaggi fatti come camionista per vedere, imparare e sviluppare. Grandi intuizioni, carattere, tenacia e voglia di apprendere lo legheranno negli anni ai grandi dell’enologia moderna, da Veronelli a Gaja, a Incisa della Rocchetta, Ceretto, Antinori, Biondi Santi. La storia del vino di qualità in Italia passa per queste vigne. Proprio i viaggi segneranno il suo stile, l’eleganza Francese e la tecnologia Tedesca insieme all’uva Friulana segneranno in modo indelebile i vini di questa azienda. Ci accompagna nella visita l’enologo dell’azienda, gli Scopietto (figli) hanno venduto la proprietà ad un importante gruppo ma lui parla e ci racconta come se fossero ancora loro a guidarla. Come se fosse ancora Mario. Tanta passione e consapevolezza. Una trentina di ettari

Montalcino gli ultimi vent'anni nel bicchiere - Azienda Agricola Innocenti

6 dicembre, una magnifica giornata di sole, un gruppo di amici appassionati. Destinazione Montalcino, Frazione Torrenieri, Località Citille di Sotto, all'estremo dei terreni del comune. Colline dolci che guardano Montalcino, circa 400metri s.l.m. con vigne ben esposte a sud. Azienda familiare dei fratelli Massimo e Gianni Innocenti che ci aspettano cordiali come sempre, insieme all’enologo dell’azienda, per una fantastica verticale di 8 annate di Brunello di Montalcino più l’anteprima della 2012 che tra poco sarà messa in commercio. E come se non bastasse 2 annate di Brunello Riserva e 2 annate lontane tra loro di Vignalsole, il loro IGT che unisce al Sangiovese del Cabernet Sauvignon e del Merlot. Cinque ettari di vigneto in tutto coltivati nel rispetto degli impianti storici per ottenere il massimo risultato qualitativo. Si è proprio la qualità del prodotto su cui questa famiglia si impegna quotidianamente. Il Brunello che producono è quello p